O Cielo!! Una icona fashion alla Casa Bianca: Michelle Obama.

Michelle Obama ha rivoluzionato la figura della First Lady e continua ad innovare e a portare avanti un’idea di empowerment femminile molto forte anche al di fuori della Casa Bianca.

Lei stessa nel suo libro ha scritto che la Moda è molto impattante e che, quindi, è stato ovvio cercare di utilizzare anche questo strumento per aumentare la sua influenza globale.

Tanto è forte questa influenza che, appena un abito o un accessorio viene visto su di lei va in sold-out ovunque. Tuttavia, il concetto che sta alla base delle sue scelte in fatto di guardaroba è:

Sentirsi a proprio agio e stare bene.

È chiaro che come prima coppia presidenziale americana di colore, gli Obama si siano doppiamente sentiti sotto osservazione da tutto il mondo e sotto ogni punto di vista. La sua Stylist di fiducia ha dichiarato che a Washington si sentiva più una costumista che altro: ogni outfit era prima studiato e poi variamente testato per verificare che Mrs Obama potesse muoversi, piegarsi ed accovacciarsi senza cadute di stile: spalline che cadono o spacchi traditori. Adesso che può permettersi di essere semplicemente Michelle, il suo stile è eclettico e personale, con un amore dichiarato e totale per le cinture. Il suo è uno stile personalissimo ed audace che rispecchia la sua personalità. Nel suo libro si mette autenticamente a nudo in quanto a pregi e difetti e, onestamente, credo che sia una delle donne di potere più autentiche. Certi aneddoti, alcune considerazioni non si possono costruire a tavolino.

La mia citazione preferita di Michelle Obama?

È stata una brutta giornata?
Vai a letto e l’indomani lavora più duro di prima.

I miei outfits preferiti di Michelle Obama?

Assolutamente TUTTI, ma questi più degli altri.

Vademecum definitivo per curvy

La prima e fondamentale regola d’oro è:

Va bene così.
Costringersi a diventare filiformi quando la propria corporatura o forma del corpo è diversa, a mio avviso è un inutile perdita di energia mentale e fisica.

Una volta che si mangia abbastanza correttamente e si fa attività fisica, il resto viene da sè. Ritengo personalmente meglio avere di fronte una persona risolta, sicura di sé e consapevole che magra.

Comunque, andiamo avanti con la cara GUIDA DEFINITIVA per vestirsi bene in quanto curvy:

Il Punto G.

Impariamo a designare un nostro punto di forza, una parte del corpo che amiamo particolarmente: le tette, la schiena, le spalle, le gambe, ed impariamo a valorizzarla con capi che la mettano in bella vista. Se ad esempio abbiamo una predilezione per la schiena, scegliamo maglie ed abiti che la lasciano scoperta, bilanciando #perdire il seno con un reggiseno a coppe trasparenti.

Altezza mezza Bellezza.

Bisogna slanciare la figura!

Quindi o Tacchi 👠 oppure Gonne e Pantaloni a Vita Alta con Tee o Camicie infilate dentro non mi fate vedere obbrobri. Via libera a tubini e gonne svasate Stile Vintage.

Occhio non vede, Cuore non duole.

Se ritenete di avere dei difetti, reali o immaginari che siano, nascondeteli.

La lingerie contenitiva fa miracoli e i push-up pure.

Usiamoli!

Dulcis in fundo: l’equilibrio e l’armonia delle linee sono essenziali.

Esempio pratico: volete mettere degli shorts ma avete le coscie grosse. Innanzitutto compriamo shorts della taglia giusta che non strizzino i prosciutti di casa dove non devono, poi bilanciamo con un blazer di media lunghezza come capo spalla e dei tacchi.

In conclusione, in Italia per curvy intendiamo una 44, mentre nel resto del mondo le curvy partono dalla 50. In Italia i negozi acquistano solo taglie magre perché abbiamo problemi gravi di mentalità e invece che curvy le chiamiamo Taglie Comode (comode per chi?) e tagliano centimetri su cosce e fianchi per aderire a virtuali standards di perfezione. Vuol dire che lo stesso capo venduto in un negozio inglese o danese veste più morbido che in Italia.

Mettiamo fine al terrorismo mediatico e instagrammatico dell’essere filiformi (ma con culo e tette stile Barbie) ed iniziamo a valorizzarci e va bene così.

Essere equilibrati è meglio che essere magri.

Vuoi essere la mia migliore amica?

Fino a 15 anni fa avevo un’amica.

Trovata sotto un cavolo a merenda proprio. Era capitata così: vivevo da studentessa fuori sede e avevo solo amici maschi.

Poi è capitata lei: figo -ho pensato- un’Amica.

Ci siamo incontrate grazie a una conoscente comune e anche lei studiava ma diceva: Che palle studiare e invece io pensavo: Pazzesco studiare, quante cose nuove che entrano in circolo nel cervello!

E quindi avevamo gli esami: e io a programmare giorno per giorno per arrivare preparata e lei ad improvvisare. E io tutti gli esami fatti e lei che si deve ancora laureare.

Ma i miei traguardi non sono mica meritati, diceva, è solo che io .. e giù mille scuse: la mamma, l’uomo, la destra e la sinistra. E la tua testa che non ci arriva, mai?

E poi è arrivato il giorno del mio compleanno, e lei era tutta contenta e io no. Io amo festeggiare il mio compleanno con autoregali e punto.

Non festeggio mai.

Invece quell’anno si doveva festeggiare e io ho pensato: No, però ho detto Sì.

E poi bisognava sempre uscire con i suoi amici e lei rideva e scherzava e fumava, e invece io me ne stavo in disparte e nessuno parlava con me, ma cosa pretendi?, mi son detta. Cosa pretendi? Sono i suoi amici, non i tuoi. Ma poi i suoi amici sono diventati più miei e allora no, non andavano più bene.

E poi mi sono innamorata di uno, chimica a prima vista. Ma lei aveva già il suo numero in tasca e allora mi sono detta che la chimica è la scienza delle trasformazioni e ho trasformato il colpo di fulmine in amicizia. Finché la magia l’ha fatta lui.

E poi mi ha chiesto: che facciamo quest’estate? Io vado in Spagna, ho detto. Vengo anche io! Ha detto lei. Però usciamo tutte le sere e il giorno in spiaggia e io ho pensato: Che palle! Ma ho detto: Certo! Mi sono detta è l’unica amica che ho per ora, non la faccio contenta?

Finché un giorno ho pensato: ma se scomparisse sai che bello sarebbe? Non sarei costretta a dire sempre di sì, quando invece vorrei dire: ma vai a quel paese!

E allora lei è scomparsa: e i miei traguardi sono diventati conquiste; i fallimenti pure, perché per piacere a lei non piacevo più a me e poi lei non piace a nessuno.

Lo stile delle Donne di The Big Ben Theory

Non so se lo sapete ma in casa nostra siamo appassionati di serie TV e The Big Ben Theory è godibile per tutta la famiglia a parte alcune battute piccanti ma troppo sottili per essere colte dai nostri Under 18. Forse solo l’adolescenza metà unicorno intuisce qualcosa ma insomma l’ironia di questa sit-com non è mai volgare per cui possiamo guardarla tutto insieme in tranquillità.

In sintesi, abbiamo visto tutte le puntate di tutte le stagioni per cui i protagonisti sono gente di famiglia per noi e, di conseguenza, so bene cosa dire in merito allo stile delle donne della serie: Amy, Bernadette e Pennie.

Amy di The Big Ben Theory

Amy è la cervellona sfigata ed emarginata che prende i suoi vestiti dal guardaroba della nonna, ma senza farsene un complesso, anzi. La postura volutamente ingobbita contribuisce a raggiungere il risultato finale. Grazie alla amicizia acquisisce sicurezza e la femme fatale che nasconde dentro esce sempre di più allo scoperto.

Il massimo del glamour lo raggiunge nella puntato del Ballo di Fine Anno che il gruppo di nerd organizza sul tetto del grattacielo dove vivono.

Amy con la tipica mise: cardigan lungo e gonna dritta sotto il ginocchio.

Per l’occasione del ballo, Amy indossa un elegantissimo abito da sera celeste carta di zucchero con copri spalle abbinato: il monocromatico è il massimo dello stile che padroneggia ed, infatti, il make up degli occhi richiamo lo stesso colore.

Amy e Sheldon nella foto del finto “Ballo di Fine Anno”.

Nelle altre puntate, al contrario, sceglie improbabili righe orizzontali, mise antiquate in materiali e colori tristi e sciatti, contrastanti con la sua brillante carriera professionale, durante la quale indossa un camice, che si rivela un sollievo per gli occhi.

Bernadette Rostenkowsky alias Bernie The Girlie

Anche lei è una Donna di grande successo nel lavoro e, come emerge più volte nel corso della serie, guadagna molto più di Howard, il suo uomo.

Nel look punta al contrasto tra un aspetto angelico di piccola bambina bionda ed un carattere dispotico ad alti livelli. Non a caso è la mia preferita.

Al contrario di Amy cura molto i capelli, sempre arricciati e cotonati e, mentre l’amica è sempre abbottonata, lei evidenzia sempre il generoso décolleté con vestitini da Lolita e coprispalla corti che evidenziano il seno.

Lo stile di Bernadette

Penny, la Bonazza.

Lei è la Star femminile di The Big Ben Theory: la ragazzotta che sogna di fare l’attrice ad Hollywood.

Al principio si veste da Sex Bomb svampita con abiti scollati e jeans strizzati da cheer leader un po’ anni ’90, in seguito, nel momento in cui abbandona gli obiettivi cinematografici per un lavoro reale, il suo stile matura: i capelli diventano corti e meno da bambolona e gli abiti più di stile e meno orientati a catturare lo sguardo maschile.. e quello di Amy.

Penny,
Penny,
Penny!


Come abbinare i colori in 5 steps 🆘

Guida semplice in cinque steps per azzeccare sempre l’abbinamento di vestiti.

Abbinare i colori è una delle cose che mette più in crisi e spesso si declina il proprio outfit un unico colore dalla testa ai piedi per paura di sbagliare.

Ma, c’è un ma,

con questo metodo infallibile imparerete anche voi ad abbinare i colori!

La base per saper abbinare bene è non tanto o non solo il buon gusto quanto il saper usare il cerchio cromatico.

Il cerchio cromatico: il tuo assistente.

Tenendo il cerchio cromatico come punto di partenza, possiamo:

  • Abbinare colori Analoghi= vicini nrll’Arco Cromatico.






Chic Therapy

In questo caso particolare, oltre ad essere colori vicini, essi richiamano anche accostamenti che ritroviamo in natura: riprendere abbinamenti dalla Natura, perfetta nei suoi equilibri anche cromatici, è garanzia di successo.

  • Abbinamento Colori Analoghi King Size





Chic Therapy

Chiaramente bisogna scegliere un colore dominante, cui gli altri faranno da supporto, per ricreare un’impressione di dolce armonia.

  • Abbinamento di Colori Complementari (opposti)

Implica un livello avanzato di capacità di abbinare, per cui se non vi sentite pronti fermatevi ai primi due steps fin quando li padroneggerete bene.

Questi colori insieme si valorizzano a vicenda. Curioso sapere che, al contrario, se mescolati originano un colore grigio topo 😃:

gli opposti si attraggono ma devono restare ben distinti perché il risultato sia degno di nota.

Chic Therapy

Chic Therapy

  • Abbinamento di Colori Complementari Divergente

Consiste nello scegliere un colore e poi i due colori che si trovano, rispettivamente, a destra e a sinistra del suo complementare. L’effetto è più armonico e bilanciano lo spazio ottico con tre colori, di cui uno dominante e gli altri ausiliari.

  • Abbinamento di Tre Colori Equidistanti
Abbinamento di Colori equidistanti.

Trovo questo abbinamento fintamente complicato e di grande effetto.

Usate l’accortezza di abbinare colori con la stessa intensità (o tutti pastello o tutti brillanti) ed il gioco è fatto!

Armadio Livello PRO: Less is the new black 🕶


In questi mesi abbiamo rallentato per forza il ritmo delle nostre vite.

E quando si cambia impostazione di vita uno dei primi posti da riordinare in base alle nostre nuove priorità è l’armadio.

L’armadio e i cassetti sono spesso colmi di cose inutili. Ammettiamolo tutto insieme: usiamo il 30% di quello che teniamo lì dentro.

Sapete quante cose capisco di una persona semplicemente aprendo il suo armadio? Molte. Capisco se sa prendere decisioni, se sta vivendo un momento nostalgico-regressivo, se sta bene finanziariamente.

Quindi, occhio al vostro Armadio.

Spesso accumuliamo capi per svariate motivazioni che poco hanno a che fare con noi: regali poco centrati, vestiti acquisiti da altri o presi sull’onda di shopping compulsivo.

Via i regali inappropriati, i jeans degli Anni ’90 e le magliette di tessuti pro sudorazione eccessiva.

Via i capi inutili. Se non indossiamo qualcosa da due anni, non la indosseremo più e quindi deve sloggiare dal nostro armadio.

Avere un guardaroba minimal e dove circola aria significa dare spazio alla propria energia.

Ciò che indossi parla di te ed influisce su come ti senti.

In un cassetto sgombro dove sono riposte un numero accettabile di magliette sicuramente scegli meglio cosa indossare.

Se apri l’armadio e ci sono cataste di indumenti tra cui discernere il tuo buon umore risulterà contrastato da questa pesantezza materiale, dal fardello di doversi trascinare anno per anno questi abiti inutili.

  • Le cose che possediamo se non determinano, influiscono pesantemente su quello che siamo. Di conseguenza, il COME, ossia il procedimento con cui ci si veste, determina ciò che sei in un duplice senso:
  • Indossando cose che ci fanno sentire noi stessi e che significano qualcosa per noi il nostro atteggiamento cambia in meglio perché siamo più sicuri e questo si percepisce.

Ridurre al minimo significa focalizzare quello che veramente è importante.

Io ci ho messo un weekend a riordinare gli armadi di figlio n. 2 e n. 3, perché tra trasloco e quarantena non c’era mai stato il modo e perché in effetti non erano poi messi così male.

Il mio armadio lo rimando a quando consegneranno i mobili della camera e già so che l’impegno sarà più mentale che fisico. Lasciar andare è difficile ma necessario quando il rapporto ha dato tutto quello che poteva dare.

E non vedo l’ora di essere più minimalista che mai! 😃

La quintessenza di un armadio minimalista è ideare una divisa, anzi delle divise, a seconda delle occasioni di vita che abbiamo.

Di fatto, un guardaroba minimalista ti consentirà di risparmiare, investendo su capi di qualità.

Il punto di partenza è la definizione del proprio stile. Scegli come vuoi vestirti, che tipo di capi non vuoi più indossare, cosa vuoi invece metterti addosso.

Ora scegli i colori.

Per farlo bisogna conoscere la propria palette ma anche se stessi: se amiamo una tinta che non rientra nei nostri colori secondo l’Armocromia, è sufficiente utilizzarlo lontano dal viso.

Abbinando ai nostri colori prescelti delle gamme neutre, come nero, bianco, beige, écru, blu o grigio semplificherà la vita. Quindi ogni look per ogni ambito avrà uno o più colori tra i nostri prediletti abbinati a colori neutri.

In realtà a me piace molto accostare i colori complementari ma questo è il livello PRO della consulenza di immagine.

Riducendo il numero di capi da sistemare in Armadio avrai una visione più precisa ed organizzata della tua esteriorità.

L’ordine esteriore corrisponde a quello interiore, per cui un sano minimalismo porterà a risultati migliori senza sprechi di energie e tempo.

Avete da fare il prossimo weekend.

La mascherina: un nuovo accessorio 😷

La Mascherina è l’effetto più visibile di questo nuovo tempo post Covid 19.

Un nuovo status symbol che rivela molto di chi le indossa: ci sono quelle ecosostenibili, quelle usa e getta, le mascherine addolcite da un ricamo e quelle con loghi noti.

Un modo per celarci al mondo (finalmente posso parlare da sola e cantare in auto al riparo da sguardi indiscreti) ed anche per dichiarare agli altri un qualcosa di noi. Come tutto quello che indossiamo, anche la mascherina parla di noi.

Nuovo look post-pandemia.

Già nel 1918, durante la pandemia della cosiddetta “spagnola”, la mascherina era diventata un accessorio accettato da tutti per proteggersi dal nemico invisibile.

Adesso è un accessorio obbligatorio attraverso cui comunicare in tempo di pandemia e un occasione di guadagno per le aziende di moda fortemente penalizzate dal lockdown. Non a casa Louis Vuitton nel nuovo sito produttivo texano, ha convertito la sua produzione a favore di queste, sfruttando a proprio favore questa inaspettata moda cogente.

La mascherina di #fendi in seta con il celebre monogramma in fascia di prezzo alta è andata in sold-out in una manciata di minuti e lo è tuttora.

Mascherina griffata.

La mascherina di #offwhite, il cui motto è: Il lusso a portata di mano, è quella più ambita dai teenagers ed è indisponibile da giorni, al prezzo di 95,00 $.

Mascherina con le frecce.

Anche la mascherina diventa fashion. E perché no?

Le mascherine colorate e con personaggi rassicuranti e carini, come Hello Kitty o i personaggi Warner Bros, ne attenuano la valenza di presidio protettivo e sdrammatizzano la necessità di indossarle per obbligo di legge. In linea di massima valgono le regole della Armocromia, evitando il Rosso in questo particolare frangente perché è IL colore dell’Emergenza.

Senza spendere follie, quelle colorate sono sicuramente un modo per avere un’immagine migliore rispetto alle mascherine verdi chirurgiche che sembrano trasformare il mondo in una grande sala d’attesa ospedaliera bianca, senza luci colorate.

È chiaro che tre mesi fa le mascherine medica ci hanno protetto e salvato ma, in vista di una ripresa di una vita che sia anche meglio di prima, quelle delle aziende di moda sarebbero da preferire.

Con la mascherina, risaltano gli occhi.

Minimal chic post pandemia

Abbiamo vissuto un tempo sospeso impensabile fino a pochi mesi fa. Un tempo fatto di casa, di attività essenziali, di paura del mondo esterno e finanche di quello interno.

Adesso è il momento del post, della rinascita preceduta da riflessione.

Molto è già cambiato a livello di consumi: lievito per pane e pizza introvabile, così come i tappetini da yoga; cultura e viaggi fruibili in via virtuale; crollo dei viaggi di lavoro a vantaggio di videochiamate e Skype call. Il futuro è arrivato in una notte: l’ufficio è in casa; la scuola anche. Si mangia e si cucina insieme, con i colleghi che ascoltano i figli discutere o guardare la TV. Non serve più truccarsi in auto.. non serve più truccarsi.

Dove siamo arrivati con il teletrasporto della pandemia?

Non nel migliore dei mondi possibili ma, mi piace pensare, in un mondo migliore.

La moda in tal senso è la regola, non l’eccezione.

Assistiamo ad un ritorno alla sostanza delle cose, all’essenziale. La Moda ha ridotto le collezioni a due l’anno, ha rallentato e puntato sul lavoro, sui tagli sartoriali, sulle linee pulite e senza limiti di eccessiva caducità.

Siamo tornati al minimalismo ed alla praticità in contrapposizione al logo ovunque ed alle linee sovrabbondanti.

Come diceva Coco: prima di uscire, guardati allo specchio e togli qualcosa che non sbagli mai.
All you need is Less 🦋

La Danza dei Colleghi

C'è la collega che con lei mai una salita, ti guarda e ti saluta senza una sfida
quella che ti protegge quando nell'aria volano schegge,
quella che ha il tempismo
quedel buddismo.

C'è quella che riconosci i tacchi tra un piano e l'altro,
quella che ha un sorriso scaltro,
quella lamentosa ma anche grintosa.

C'è quella a cui non devi spiegare nulla,
un giorno io e domani tu,
senza bisogno di essere bulla.
C'è l'arrivista stakanovista e pure la feticista.

C'è la vicina di scrivania che ha tutto in borsa e
quella che non perde mai tempo perché è sempre di corsa.

Qua e là ci sono belle persone:
colleghi piacevoli,
capi ammirevoli eppure autorevoli.

Siamo riusciti a lavorare da casa, senza preavviso e con efficacia, sogno un ufficio in cui diverso non vuol più dire controverso, dove essere originale diventerà banale.
Un ufficio così sarà meraviglioso e tornarci da casa ancor più delizioso.

Il tuo aspetto fa gne-gne?

Se qualcosa ti fa sentire sicura di te e bellissima, allora va ancora di moda.

Jamie Krell

Innanzitutto: scegliamo una o piu icone di stile che ci ispirano.

Se non avete idea su chi siano queste IT Women Super Cool:

Alexa Chung

View this post on Instagram

Doing fine over here

A post shared by Alexa Chung (@alexachung) on

Poppy Delevingne

https://www.instagram.com/poppydelevingne/

Dree Hemingway, che indossa tubino e jeans ma insieme.

Bianca Brandolini

https://www.instagram.com/biancabrandolini/?hl=it

Fatevi un giro sui loro profili social e lasciatevi permeare dalla loro incredibile conoscenza dello Style. Dalla loro sicurezza, reale o immaginaria?, non lo sappiamo e non interessa in questa sede.

Avere una guida ed un’idea di dove andare rende il tragitto più semplice. In auto usate il navigatore per evitare di perdervi? Così nel vostro guardaroba dovete avere le idee altrettanto chiare per evitare sprechi di tempo e denaro. Avere in testa un modello aiuta a tirare fuori il meglio; stimola la propria evoluzione con punti di vista diversi.

Ognuno guarda il mondo attraverso i propri occhiali.

I. Kant

Per fare passi avanti bisogna affrancarsi dall’ottica del nostro piccolo giardino recintato e dare un’occhiata in giro per il mondo, indossando anche gli occhiali degli altri. Perché no?

Iniziate oggi a creare la vostra personale Mood Board.

E se volete condividetela nei commenti ♥️

Sono curiosa ed interessata.