Tornano i pantaloni a vita alta👖

I pantaloni a vita alta sono un capo simpaticamente retrò, con una linea ibrida tra il maschile ed il femminile che strizza l’occhio agli anni ’50.

Nessuno sostiene che siano facili da portare: mettono, infatti, in iper evidenza sia i fianchi che il lato B.

Da considerare che sarebbe assurdo acquistare dei pantaloni a vita alta per poi nasconderli con maglie oversize, meglio valorizzarli con crop top, camicie o maglie da tenere infilati dentro i pantaloni, meglio se abbinati con cinture che valorizzino ancora di più il punto vita e tacchi alti per esaltare la silhouette.

Lettera alla Società di Calcio di mio figlio

Vado a prendere il secondogenito agli allenamenti di calcio in genere tre volte a settimana, due se sono dal padre nel suo giorno infrasettimanale. Vado solitamente dopo aver ritirato la primogenita all’ uscita della sua attività sportiva con un quarto d’ora di scarto tra le due. 

Il padre del secondogenito per ben un’ora e mezzo assiste all’allenamento dagli spalti aperti al pubblico, come un Super Io che analizza alla moviola quanto succede durante il training per poi riprendere e dare consigli non richiesti al bambino. E tutto ciò senza che nessuno della Società avanzi rilievi di nessun tipo.

Per contro, io, la mamma, ovvero il Genitore n. 1 o n. 2 che dir si voglia, che pago con i miei soldi metà della retta annuale, metà del costo del suo kit di allenamento, che preparo con lui la borsa, ne lavo il contenuto, oltre ad iscriverlo e portarlo a fare la visita medica, io vengo caldamente ignorata, quando non freddamente calcolata per un saluto dovuto.

Fin da subito quest’anno ho captato questo cambiamento: di non essere calcolata in quanto mamma, in quanto Donna o in quanto metà di una coppia separata, di cui questi gentiluomini predilogono la metà con il pisello. Al momento, lo status quo è che la Società Sportiva che si occupa dell’ambito extra scolastico del secondogenito interagisce solo con il padre 😳, comunicando solo a lui, a voce o personalmente,convocazioni ed appuntamenti per le partite.

Mi viene da supporre che, secondo l’arcana struttura mentale di questi individui il calcio sia solo ed esclusivamente prerogativa del genitore maschio ( che per loro c’è sempre ovvio)? E, di conseguenza, io dovrei occuparmi solo ed esclusivamente dell’attività sportiva della figlia femmina in base alla proprietà transitiva?

Scrivo questa lettera aperta come sfogo di fronte ad atteggiamenti tanto disgustosi quanto più provenienti da chi dovrebbe trasmettere valori di correttezza ed inclusione.

Io aspetto pazientemente il secondogenito fuori dai cancelli societari con tutte le condizioni meteo ed il pancione almeno venti minuti per portare lui e la sorella a casa e mai NESSUNO si è avvicinato per comunicarmi alcunché riguardo gli impegni sportivi di MIO figlio. Eppure la solerzia c’è per rimproverare aspramente una mamma o una nonna che osa varcare la soglia dei suddetti cancelli per vedere se il suo pargolo esce: ” Le mamme fuori dai cancelli!! ” . Il rimprovero arriva immediato e senza chiedere se magari c’è un’urgenza dietro la fretta della donna e non un’invadenza ingiustificata.

Il messaggio che sottende è le mamme fuori ed i papà dentro? Sugli spalti a seguire un momento di training che dovrebbe riguardare solo ed esclusivamente il piccolo calciatore e l’allenatore. Non è forse più questa una invadenza delle competenze altrui?

La verità è che, nonostante le storielle che ci raccontiamo e sebbene i miei soldi siano accettati dalla Società alla pari di quelli del padre, queste persone vivono secondo un modello di famiglia risalente agli anni Cinquanta.

A questi signori, di fronte a cui sono dotata del potere dell’invisibilità e che sono convinti di essere campioni di correttezza, vorrei dire che di sport e di famiglia hanno capito ben poco.

Adesso scusate ma devo fare il bonifico con cui verserò la metà della retta annuale e ricordarlo al padre… perché lui se ne dimentica sempre 😂.

phighe senza calze in 4 mosse

In questo articolo parliamo solo dei casi in cui la prospettiva della giornata è quella di una permanenza all’esterno limitata, la temperatura al di sopra dello zero e nel caso in cui l’occasione sia di quelle speciali. Va da sé che nelle altre eventualità le calze sono indispensabili.

I miei trucchi per fare le phighe senza calze:

  • Ciclisti o calza tagliata di lunghezza tattica rispetto alla gonna, furbescamente indossati sotto. Di conseguenza solo la parte di gamba visibile agli altri è senza calze ed esposta al freddo.
  • Se le gambe sono en plein air   testa (in cui si trovano i principali nervi recettori del freddo), mani e piedi devono per forza essere sovra coperti. 
  • Stivali alti o #cuissardes con calzetto di lana, per la motivazione che abbiamo detto sopra, e che può arrivare alla caviglia, a metà polpaccio o al ginocchio.
  • Gambe ben depilate ed idratate perché, così facendo, le vere protagoniste sono loro 😜.

 

Essenziale è trovare il giusto equilibrio di lunghezze tra gonna e scarpe. 

Questo è possibile seguente la LEGGE dell’ELASTICO: ovvero se si allunga la gonna, si abbassa l’altezza della calzatura; mentre se la gonna è corta, la calzatura cresce di statura.

In conclusione, questi gli abbinamenti per non sbagliare:

– mini e cuissardes

– midi e biker boots, purché siano alti almeno fino alla caviglia, altrimenti l’effetto è grottesco, fidatevi.

– gonna lunga e sneakers o décolleté

– jeans o pantaloni culotte e slip-on.

Io ho sperimentato il look senza calze recentemente ovvero l’altro anno in occasione di un matrimonio d’inverno e spesso ai tempi in cui lavoravo in bar per mantenermi agli studi.

Vi assicuro che il risultato finale merita ed è un balsamo di autostima 😜.

Caso umano 0: Edward Mani di Forbice.

Ieri sera mi sono ritrovata a sfogliare per caso l’ultimo libro di #selvaggialucarelli: Casi Umani, che tratta in modo ironico di una carrellata di dieci improbabili uomini con cui l’autrice ha avuto presumibilmente a che fare nel corso della sua vita sentimentale e mi sono ritrovata a riflettere sul fatto che ci siamo passate tutte e che la catarsi aiuta sempre ( ndR: chi ignora il significato di catarsi lo vada a cercare, please).

Nel mio caso specifico, ho basi fondate per ritenere che il primo caso umano sono io 😎. 

Però a scorrere la galleria della Lucarelli ho pensato che c’è sempre un inizio, un principio da cui comincia a dipanarsi, come un gomitolo, la sequela di casi umani, ossia di uomini o donne cui normalmente non avremmo dato neanche una chance ma che, in quelle circostanze di autostima zero, ci buttiamo a frequentare nella speranza di esserci sbagliat*.

Per me è stato quello che chiameremo #edwardmanidiforbice, causa una attraente mescolanza di somiglianza fisica con Johnny Deep e analogia tra le forbici e come mi ha tagliuzzato il cuore e l’autostima.

A chi chiede: eravate fidanzati o trombamici? Mi trovo costretta a rispondere “legati”. Sì perché la nebbia di confusione in cui mi avrebbe mollata è cominciata fin dalla definizione del rapporto.

Eppure se devo descrivere l’amore parlo di #lui ma se mai mi chiedessero di qualcosa che va oltre l’amore parlerei di #edward, perché resta il #groundzero, anche se ho smesso di amarlo una vita fa.

Perderlo faceva parte del gioco e quello che è successo è difficile da riprodurre in un modo efficace dal punto di vista narrativo. A quel tempo subivo il fascino di chi era bello e dannato, di quelli che non mi facevano capire se giocavano o ci tenevano a me. Mi piaceva Edward per il gusto della sfida: la fine è stata rude e brusca e mi colse del tutto impreparata ma così fu e da quella volta ho impiegato anni a riprendermi. Solo di recente e dopo la sequela di casi umani, quando ho incontrato Lui ho capito che quando si ama la partita è già vinta a tavolino,

che l’amore non si pretende da chi non vuole dartelo e non si regala a chi non vuole averlo. 

Lui le vede le mie farfalle nello stomaco e mi fa ridere. Mi legge dentro spesso, non sempre ed è trasparente come una bottiglia di vetro con me.

Cucina per me, molto di più che con me, è gentile, sa fare l’amore e quando se ne va, Lui torna.

Edward per mia fortuna non tornerà mai più.

 

Quando una figlia ti delude

Ieri mi sono svegliata ed alzata pensando fosse semplicemente il 1′ Ottobre ed invece era la Fine di

un’ Era. I cambiamenti accadono mascherati da giorni qualunque.

Ci stavamo preparando per uscire e compiere il consueto “giro Scuole”, quando la 14enne metà girl e metà unicorno annuncia:

lascio la danza. 😵. Fine di un’epoca. Stop.

E la sua metà Unicorno dove era mentre prendeva questa decisione?

Sul momento ho accusato il colpo e mi sono sentita ferita e delusa da quella sconosciuta che mi fissava riflessa nello specchio mentre mi piastravo i capelli come se non ci fosse un domani.

L’ho accompagnata a danza per più di undici anni, era una cosa tutta nostra: parlare delle vecchie e nuove compagne, delle maestre, del tutù, di anno in anno sempre più ampio e luminoso. In seconda battuta, ho fatto appello a tutta la mia riserva di autocontrollo e sono stata zitta.

Mi ha deluso, è innegabile, e si è salvata. 

L’atmosfera a casa nostra ieri era quella post catastrofe naturale o post mortem di un parente prossimo. Abbiamo tentato dello spirito ma eravamo tutti un pochino tristi, perché  qualcosa è finito. Un mondo fatto di abitudini e cose conosciute.

Eppure, se rifletto su come evolviamo gli errori e le delusioni sono condizione necessaria del percorso.

Forse la danza era un desiderio più mio che suo e #lei deve differenziarsi da me per inventarsi il suo sogno.

Sto lavorando su di me per vedere la mia girl per come è, con pregi, carenze e scivoloni, e non per quello che io vorrei fosse. Perché alla fine quello che resta è saper stare nel mondo con le proprie fragilità.

Questa cosa la devo ancora digerire ma giovedì andrà alla sua prima lezione di pattinaggio con l’amica del momento.

Ha avuto il coraggio di scegliere e decidere da sola ed al confronto tutto il resto è meno importante. 

Le parigine: 3 trucchi per indossarle al di fuori di Instagram.

‎Iniziamo con uno spoiler e togliamoci il pensiero:

solo da oggi e per tre settimane avrà senso indossare le parigine con la gamba nuda.

Al momento, ho una pancia di otto mesi per cui, presa da un impeto di ottimismo o forse in virtù del mio amore viscerale per tutto ciò che è Francese o saranno gli ormoni, le ho comprare: un paio da #calzedonia ed un paio da #hm.

E ieri sera ho avuto modo di testare sulla mia pelle che nell’esatto momento in cui ti alzi dalla sedia, con la tua bella gamba accavallata, loro scendono ☠️. In estrema sintesi: ho passato la serata a rifugiarmi negli androni per tirarmele sù. E vi giuro che vedere una col pancione piegarsi ogni due per tre ad afferrare e tirare la calza non è sexy come appare nei film.

Allora oggi mi sono messa d’impegno per cercare e trovare delle soluzioni furbe per indossare ste benedette #parigine: nome evocativo e bugiardo che in realtà nasconde veri e propri strumenti di tortura.

Trucco n. 1

Metterle con gli stivali alti, in modo che la loro inesorabile discesa sia bloccata dal bordo dello stivale. Otteniamo anche un piacevole effetto finto trasandato.

 

Stivale alto anti-caduta

Trucco n. 2

Fregare tutti ed acquistare il collant con le parigine disegnate. Da #calzedonia, sia in store che on line ce ne sono di pazzeschi.

Trucco n. 3

Posizionare una calza anche molto velata sotto le maleficient parigine. La qual cosa ne migliora la stabilità.

Che ne dite?

Proviamo o scegliamo di indossare pantaloni fino all’avvento della calza 60 denari?

Ispirazioni Parigine

 

L’empatia fa schifo

Video sull’empatia

In televisione e nella branca New-age alternativa della contemporaneità, sociologhi e psicologi esaltano il fantastico mondo della percezione empatica.

Volete sapere la verità?

L’empatia fa schifo, è una schiavitù.

Immaginate di soffrire per qualcuno più di chi è coinvolto in prima persona,

di sentire la sofferenza di ognuno, anche la più nascosta, anche quella che la persona stessa evita di condividere. Voi la sentite acuta, anche vostro malgrado,

come se fosse la vostra.

Anzi a volte anche di più. È come stare in una casa vuota da cui i rumori e le voci dei vicini sovrastano la vostra voce. Il rumore e l’irruzione del mondo esterno va continuamente arginata.

A farti mille seghe mentali su come aiutare un altro, troppo spesso sei solo tu e ti devi rendere conto che è un assolo e che questa solidarietà non sarà ricambiata. Anzi, chi ha avuto modo di saggiare la tempestività e la costanza del tuo correre in aiuto ne approfitterà.

Fosse per me, io preferirei non provarle certe emozioni, non sapere.

Soprattutto le persone a cui vuoi bene, ma anche quelle a cui non ne vuoi, ma anche quelle che non ti sono accanto, RIMBOMBANO dentro. Ha i suoi lati positivi: io la musica non la sento, mi invade; non leggo un libro, ci sono invischiata fino al collo; quando guardo un film, non ci sono più confini tra me e lo schermo.

Io volevo nascere narcisista, quelli vivono all’oscuro di se stessi, figuriamoci degli altri.

Invece no, empatica.

C’è chi sostiene sia un dono.

Dite che con lo scontrino lo posso restituire?