Come creare un ricordo per la vita: l’agenda di nascita.

Per entrambi i primi due figli ho scritto un diario durante tutta la gravidanza, concepito come una lettera lunga nove mesi ed indirizzata a loro.

Lì dentro ho riversato tutto: i cambiamenti fisici, quelli interiori, i pensieri e i tentennamenti sulla scelta di quello che poi sarebbe diventato il loro nome. TUTTO.

I diari della gravidanza sono belli ma, per me, anche un semplice quaderno è adatto allo scopo.

Un libro per il viaggio immanente più potente di tutti.

Con la baby n. 3, non ho sentito questa esigenza e io sono abituata a seguire il mio sesto senso. Sarà che il cellulare ha soppiantato la paura di dimenticare questo periodo, sarà che comunque i miei pensieri li metto in questo blog. Dei nove mesi di baby n. 3 ho altre testimonianze che dei primi due non avrò mai: video, foto, messaggi. Tuttavia, in ogni caso, mi riprometto di scrivere anche a lei una lettera da conservare nella sua scatola dei ricordi.

Di questi quaderni dei ricordi quello che preferisco è quando arrivano nelle mani dei piccoli destinatari.

I tre piccoli destinatari ad Halloween.

Con la figlia metà adolescente e metà unicorno ho fatto così: l’ho conservata per dodici anni nella sua scatola dei ricordi e, per il suo dodicesimo compleanno, gliela ho regalata, perché capisse con quanto amore ♥️ l’ho aspettata e desiderata.

Adesso che siamo temporaneamente ospiti in una casa non nostra per importanti lavori nella nostra vera casa, con sorpresa, riordinando, ho trovato la sua Agenda di Nascita tra le poche ed essenziali cose che ha potuto portare con sé qui.

Che sorpresa! Che questa adolescente con la risposta acida sempre in tasca abbia portato con sé la testimonianza di quando pesava come tre pacchi di zucchero e la sua stessa sopravvivenza dipendeva da altri.

Perché quando si sa da dove si viene, sai anche dove tornare ♥️.

Scrivere aiuta a fissare i ricordi, a trasmettere i propri pensieri più leggeri e a lasciare un qualcosa di sè ai bambini, testimonianza di un tempo in cui loro erano speranza pura.

Lista della spesa per uomo

  • Rientrata l’altro ieri da un mese di vagabondaggi per l’Italia, mi sono scontrata con questa dura realtà: la differente concezione della spesa alimentare tra me e il mio compagno.. in questo mese di autogestione la dispensa è stata colma di stuzzichini da aperitivo e gelato 😳, di conseguenza mi sono ritrovata ad allestire una cena a base di cipster ed olive denocciolate.

La questione riguarda il maschio eterosessuale al di sopra dei 35 anni che si reca baldanzoso al supermercato.

Come sosteneva il saggio #clinteastwood:

Quando un uomo col cestello incontra un uomo col carrello, l’uomo col cestello si sente fortunato. 

Poiché ognuno deve dare il proprio contributo alla vita familiare si tratta di arginare i danni. Non potendo telecomandare l’uomo in questione, una lista della spesa anti sabotaggio mi pare una soluzione equa. Dato il fallimento di ogni mio tentativo precedente, avrei pensato questa volta di stilarla per reparto:

– Reparto Frutta&Verdura

Di norma evitato come il vaiolo dal mio compagno di avventure. Pensavo di indicare: ” Comprare almeno tre varietà di frutta e altrettante di verdura, possibilmente non confezionare in Giappone e vendute ad una cooperativa di sciatori austriaci a 39,00 Euro/Kg in offerta”.

– Reparto Surgelati

Pensavo di aggiungere: ” Sei sicuro di esserci quando avverti una temperatura di meno tredici gradi e per le tormente di neve”. Comprare: pesce ( è sufficiente sia pescato dopo il 1918) a prezzi umani ed una base per passato di verdure.

– Reparto Macelleria

Nota del Redattore: ” Lasciamo stare specialità serbe allevate a Chernobyl e macellate in Spagna. Lasciamo nel loro comparto ogni tipo, forma, declinazione di hamburger 🙏🏼! Acquistare cose basiche: maiale, pollo, manzo”.

– Reparto Gastronomia

Da saltare in toto. Costa troppo!

– Reparto Casa

Scriverò a parte: ” Compra scotch, che a casa nostra manca sempre, quello adesivi non quello da bere, e lascia fuori del carrello: chiavi inglesi per mancini e deodoranti a risparmio energetico”.

Uscito da qui, spero non inizi ad abbandonare prodotti a terra, convinto di essere andato fuori budget.

Da saltare il Reparto Cura della Persona: studi clinici dimostrano che fagocita le persone in un varco spazio-temporale.

Per questo mio ennesimo tentativo, pensavo di utilizzare la app LIST ON, carina e con una bella grafica. Inserirò i prodotti per noi fondamentali per categorie e, prima di andare a fare la spesa, basterà segnare quello che manca. Poi riporterò il tutto su un post it da attaccare al carrello, più comodo.

Spero che funzioni 🍀😀.