phighe senza calze in 4 mosse

In questo articolo parliamo solo dei casi in cui la prospettiva della giornata è quella di una permanenza all’esterno limitata, la temperatura al di sopra dello zero e nel caso in cui l’occasione sia di quelle speciali. Va da sé che nelle altre eventualità le calze sono indispensabili.

I miei trucchi per fare le phighe senza calze:

  • Ciclisti o calza tagliata di lunghezza tattica rispetto alla gonna, furbescamente indossati sotto. Di conseguenza solo la parte di gamba visibile agli altri è senza calze ed esposta al freddo.
  • Se le gambe sono en plein air   testa (in cui si trovano i principali nervi recettori del freddo), mani e piedi devono per forza essere sovra coperti. 
  • Stivali alti o #cuissardes con calzetto di lana, per la motivazione che abbiamo detto sopra, e che può arrivare alla caviglia, a metà polpaccio o al ginocchio.
  • Gambe ben depilate ed idratate perché, così facendo, le vere protagoniste sono loro 😜.

 

Essenziale è trovare il giusto equilibrio di lunghezze tra gonna e scarpe. 

Questo è possibile seguente la LEGGE dell’ELASTICO: ovvero se si allunga la gonna, si abbassa l’altezza della calzatura; mentre se la gonna è corta, la calzatura cresce di statura.

In conclusione, questi gli abbinamenti per non sbagliare:

– mini e cuissardes

– midi e biker boots, purché siano alti almeno fino alla caviglia, altrimenti l’effetto è grottesco, fidatevi.

– gonna lunga e sneakers o décolleté

– jeans o pantaloni culotte e slip-on.

Io ho sperimentato il look senza calze recentemente ovvero l’altro anno in occasione di un matrimonio d’inverno e spesso ai tempi in cui lavoravo in bar per mantenermi agli studi.

Vi assicuro che il risultato finale merita ed è un balsamo di autostima 😜.

Caso umano 0: Edward Mani di Forbice.

Ieri sera mi sono ritrovata a sfogliare per caso l’ultimo libro di #selvaggialucarelli: Casi Umani, che tratta in modo ironico di una carrellata di dieci improbabili uomini con cui l’autrice ha avuto presumibilmente a che fare nel corso della sua vita sentimentale e mi sono ritrovata a riflettere sul fatto che ci siamo passate tutte e che la catarsi aiuta sempre ( ndR: chi ignora il significato di catarsi lo vada a cercare, please).

Nel mio caso specifico, ho basi fondate per ritenere che il primo caso umano sono io 😎. 

Però a scorrere la galleria della Lucarelli ho pensato che c’è sempre un inizio, un principio da cui comincia a dipanarsi, come un gomitolo, la sequela di casi umani, ossia di uomini o donne cui normalmente non avremmo dato neanche una chance ma che, in quelle circostanze di autostima zero, ci buttiamo a frequentare nella speranza di esserci sbagliat*.

Per me è stato quello che chiameremo #edwardmanidiforbice, causa una attraente mescolanza di somiglianza fisica con Johnny Deep e analogia tra le forbici e come mi ha tagliuzzato il cuore e l’autostima.

A chi chiede: eravate fidanzati o trombamici? Mi trovo costretta a rispondere “legati”. Sì perché la nebbia di confusione in cui mi avrebbe mollata è cominciata fin dalla definizione del rapporto.

Eppure se devo descrivere l’amore parlo di #lui ma se mai mi chiedessero di qualcosa che va oltre l’amore parlerei di #edward, perché resta il #groundzero, anche se ho smesso di amarlo una vita fa.

Perderlo faceva parte del gioco e quello che è successo è difficile da riprodurre in un modo efficace dal punto di vista narrativo. A quel tempo subivo il fascino di chi era bello e dannato, di quelli che non mi facevano capire se giocavano o ci tenevano a me. Mi piaceva Edward per il gusto della sfida: la fine è stata rude e brusca e mi colse del tutto impreparata ma così fu e da quella volta ho impiegato anni a riprendermi. Solo di recente e dopo la sequela di casi umani, quando ho incontrato Lui ho capito che quando si ama la partita è già vinta a tavolino,

che l’amore non si pretende da chi non vuole dartelo e non si regala a chi non vuole averlo. 

Lui le vede le mie farfalle nello stomaco e mi fa ridere. Mi legge dentro spesso, non sempre ed è trasparente come una bottiglia di vetro con me.

Cucina per me, molto di più che con me, è gentile, sa fare l’amore e quando se ne va, Lui torna.

Edward per mia fortuna non tornerà mai più.

 

Lista della spesa per uomo

  • Rientrata l’altro ieri da un mese di vagabondaggi per l’Italia, mi sono scontrata con questa dura realtà: la differente concezione della spesa alimentare tra me e il mio compagno.. in questo mese di autogestione la dispensa è stata colma di stuzzichini da aperitivo e gelato 😳, di conseguenza mi sono ritrovata ad allestire una cena a base di cipster ed olive denocciolate.

La questione riguarda il maschio eterosessuale al di sopra dei 35 anni che si reca baldanzoso al supermercato.

Come sosteneva il saggio #clinteastwood:

Quando un uomo col cestello incontra un uomo col carrello, l’uomo col cestello si sente fortunato. 

Poiché ognuno deve dare il proprio contributo alla vita familiare si tratta di arginare i danni. Non potendo telecomandare l’uomo in questione, una lista della spesa anti sabotaggio mi pare una soluzione equa. Dato il fallimento di ogni mio tentativo precedente, avrei pensato questa volta di stilarla per reparto:

– Reparto Frutta&Verdura

Di norma evitato come il vaiolo dal mio compagno di avventure. Pensavo di indicare: ” Comprare almeno tre varietà di frutta e altrettante di verdura, possibilmente non confezionare in Giappone e vendute ad una cooperativa di sciatori austriaci a 39,00 Euro/Kg in offerta”.

– Reparto Surgelati

Pensavo di aggiungere: ” Sei sicuro di esserci quando avverti una temperatura di meno tredici gradi e per le tormente di neve”. Comprare: pesce ( è sufficiente sia pescato dopo il 1918) a prezzi umani ed una base per passato di verdure.

– Reparto Macelleria

Nota del Redattore: ” Lasciamo stare specialità serbe allevate a Chernobyl e macellate in Spagna. Lasciamo nel loro comparto ogni tipo, forma, declinazione di hamburger 🙏🏼! Acquistare cose basiche: maiale, pollo, manzo”.

– Reparto Gastronomia

Da saltare in toto. Costa troppo!

– Reparto Casa

Scriverò a parte: ” Compra scotch, che a casa nostra manca sempre, quello adesivi non quello da bere, e lascia fuori del carrello: chiavi inglesi per mancini e deodoranti a risparmio energetico”.

Uscito da qui, spero non inizi ad abbandonare prodotti a terra, convinto di essere andato fuori budget.

Da saltare il Reparto Cura della Persona: studi clinici dimostrano che fagocita le persone in un varco spazio-temporale.

Per questo mio ennesimo tentativo, pensavo di utilizzare la app LIST ON, carina e con una bella grafica. Inserirò i prodotti per noi fondamentali per categorie e, prima di andare a fare la spesa, basterà segnare quello che manca. Poi riporterò il tutto su un post it da attaccare al carrello, più comodo.

Spero che funzioni 🍀😀.

All you need is Love 🖤

Come si fa un bambino? Non ci vuole chissà quale conto in banca ma Amore al 100%, almeno nel momento in cui si fa, a me piace pensarla così.

Per sposarsi non serve la cerimonia perfetta per ostentare chissà cosa: servono solo due cuori, che si affidino uno all’altro finché morte non li separi, nonostante e proprio in virtù dei loro cambiamenti e contraddizioni.

All you need is LOVE.

Io la penso così le coppie che funzionano sono quelle che non si promettono nulla: senza l’obbligo di ricordare anniversari, luoghi speciali e date speciali, che mi viene l’ansia solo a scriverlo.

Quelli che fanno i passi perché sono pronti. Non perché la loro età lo richiede o non lo richiede più. Le coppie che funzionano ascoltano la stessa musica, il che permette loro di sopportare gli schizzi sullo specchio del bagno, i vestiti fuoriposto e la quotidianità.

Quelli che funzionano fanno vacanze separate e viaggi insieme. E non si capisce la differenza alzate la mano che poi ve lo spiego.

La gelosia gratuita di quando non sapevamo neanche che faccia avesse l’altro la mettono a tacere, con il tono silenzioso.

Le coppie che funzionano ridono, sanno stare in silenzio e bevono insieme, mangiando una pizza a metà.

Le coppie così al per sempre ci arrivano, senza promesse.

Il disordine delle loro case parla di loro. I loro vestiti stesi sanno di pulito ed il loro corpo odora di loro.

STAY LOVE 😜.

Trucco occhi anti-panda 🐼

In estate, è preferibile truccarsi in modo leggero: la pelle, se correttamente idratata, è già perfetta, di conseguenza è fondamentale mettere in risalto gli occhi, evitando che la matita coli in giro per il viso.

Io ho questo problema del trucco che cola o che comunque si spande perché la pelle della mia palpebra tende a diventare oleosa dopo qualche ora. Per questo ho approfondito la problematica.

– Primo step: fare una riga decorosa con la matita per gli occhi e per questo l’unica soluzione è la pratica. Provare e riprovare.

– Secondo step: perché il trucco occhi vi cola?

Se l’effetto panda dipende dal caldo basterà adottare prodotti waterproof; se dipende dalla pelle invece sarà meglio sigillare la palpebra con un primer e fissare il trucco attraverso un velo di cipria; se al contrario ci accorgiamo di diventare panda a causa dall’eccessiva morbidezza della matita con un accendino scaldiamo la punta della matita.

Regola d’oro che vale per tutte: nell’angolo interno dell’occhio il condotto lacrimale mette a rischio la tenuta di ogni trucco per cui sarà meglio tamponare leggermente con un ombretto in accordo o anche a contrasto. Perché no?

 

5 capi da comprare per i saldi estivi

I saldi sono iniziati da circa tre settimane per cui siamo ancora in tempo a fare affari.

Personalmente, io aspetto sempre prima di buttarmi nella mischia delle svendite per trovare occasioni veramente appetibili.

E allora cosa comprare da riutilizzare oltre le tendenze di questa stagione?

1. Un bikini nero.

Ne troviamo di tutte le foggie, da adattare alla forma del proprio corpo, ed è un capo che garantisce sempre una bella figura.

2. Un vestito bianco

Passepartout per mille occasioni dall’ufficio all’aperitivo a seconda degli accessori con cui lo abbiniamo.

3. Un cappello di paglia

Dal fascino intramontabile, un cappello d’estate ci vuole e non vogliamo andare in giro indossando il cappellino con il logo del l’elettrauto di fiducia.

4. Ciabatte Birkenstok

Generalmente sono contraria alle ciabatte, soprattutto perché le persone ne abusano in estate 😓 con il risultato di andare a teatro in infradito.

Se usati con parsimonia preferisco modelli chic e dignitosi come questo.

5. Borsa mare

Prima o dopo servirà, per cui tanto vale averla carina e cool risparmiando.

 

Come vestirsi anni ’20🖤

Uno stile vintage anni ’20 regala immediatamente un aspetto intrigante e di forte personalità.

Gli anni ’20 sono stati un’epoca frizzante e prolifica dal punto di vista della moda, non a caso restano tra i preferiti della fashion victims e degli stilisti. È l’epoca che ha visto nascere l’astro #chanel con il suo look marinaro e le perle lunghissime. Le donne adottano tagli di capelli corti e dalle onde morbide da fare anche a casa con le mitiche forcine a beccuccio Per ricreare l’acconciatura, clicca qui, fondamentale arricchire i capelli  di accessori, piume, paillettes, fasce e mollette esuberanti. Gli abiti sono quelli stile charleston, il ballo che detta legge,  a sottoveste e con il punto vita abbassato in modo che le donne possano muoversi sinuose, i cappelli sono à cloche, minimal, il make il prevede pelle perfetta, bocca a cuore con rossetto rosso ed occhi in primo piano, evidenziati da mascara e matita in abbondanza.

E allora cosa aspettiamo a stupire tutti in una calda sera d’estate? Let’s go!