Come diventare Audrey Hepburn

Aprite l’armadio e vediamo se si riescono a creare combinazioni alla Audrey.

Se volete appropriarvi di uno stile senza tempo e sempre appropriato: questo è il modo!

Dal mini abito rosa scelto per il matrimonio agli abiti più bucolici scelti dopo il ritiro nella sua casa Svizzera “ La Paisible “, al tubino nero di Givenchy che io uso come capo base da accessoriare in base all’occasione per determinarne la maggiore o minore formalità.

Primo Look: L’abito rosa del matrimonio di Audrey è perfettamente sostituibile dalla versione di #valentino in crêpe rosa pastello di lana e seta.

Mini abito rosa minimale e chic.

A completare il look ballerine bianche e collant bianco (non color gesso, please), reperibile anche da #Calzedonia.

Ballerine bianche by Jimy Choo.

La seconda proposta per avvicinarsi allo stile Audrey è l’abito bucolico. Perfetto per una gita in The Countryside.

Collezione P/E Bianca Balti

Arricchitelo con gioielli di pregio a contrasto e vi prego evitiamo di rovinare l’insieme con improbabili borse di paglia.

La paglia SOLO in spiaggia. #io

Per finire, il tubino nero.

Il signore dello stile. Il pezzo dei pezzi.

Il tubino nero by Givenchy.

Naturalmente il tubino soddisfa tutte le tasche e le preferenze in fatto di tessuti, per cui farete presto a scegliere il tubino che fa per voi.

Come sempre, la fase degli accessori è fondamentale: in base al tono più o meno alto e formale o allegro e scanzonato che si vuole dare all’outfit e a se stessi, andremo a scegliere scarpe e borsa consoni.

Da ogni persona che incontriamo possiamo imparare, da Audrey Hepburn possiamo imparare tanto sia a livello di stile che di portamento che di personalità.

10 frasi salvagente 👙

Le parole sono importanti e belle e creano mondi imprevisti.

Da sempre, chi mi conosce bene lo sa, tengo una rubrica con le frasi che mi colpiscono e che leggo o mi capita di sentire nei posti più disparati:

il mio Guggenheim delle parole.

Quando necessito di una calibratura, lo leggo e mi metto questo balsamo riparatore sulle doppie punte del cuore.

Data l’incertezza di questi giorni, ho deciso di condividere con voi le mie preferite:

  • Io sono l’albero dalle radici ben radicate, dalla forza secolare e stabile.
Un albero bellissimo visto mentre correvo.
  • La pace del perdono, non nella accezione cattolica del termine: il perdono della consapevolezza. Si raggiunge dopo esserti arrampicato su te stesso e sugli altri. È l’atto d’amore più assoluto.
  • L’Amore è responsabilità, sennò non è Amore.
  • Bisogna avere coraggio e prendersi i rischi.
Scegliere con coraggio.
  • L’unico modo per sconfiggere il dolore è immergercisi, come in una vasca, ed attraversarlo.
  • La forma più alta di conoscenza è l’Empatia.
  • La natura toglie e dà, senza etica. Tutto scorre ed il fiore nato dove non doveva magari sei tu.
In tempi di stare a casa, viaggiamo in modo alternativo.
  • L’onestà ripaga sempre. Sii sempre riconoscente verso chi ti ha aiutato quando nessuno lo faceva ma bussa alle porte per farti aprire.
  • Fuck Normal Life!!
  • Mandiamoli a cagare i bulli ed i vittimasti, gli indignati di mestiere ed i fondamentalisti.
La Nike di Samotracia. La mia preferita.

Il buon gusto del cattivo gusto: ⭐️

La sempre cara mi fu quest’ermo colle, Coco Chanel ha sostenuto fino alla morte la sua convinzione del Meno è Meglio, invitando a fare questo gioco prima di uscire: guardarsi allo specchio e togliere ancora una cosa.


Si tratta della sottile Arte della Sottrazione.

Qui dentro si poteva entrare sovraccarichi solo di perle. La porta della dimora di Coco al Ritz Paris, dove visse per 34 anni.

Non tutti siamo uguali, però, e la moda è un grande gioco che permette a tutti di esprimersi e di essere a posto con ciò che si è.

Io

Accanto a chi ama l’essenzialità e la sottrazione, troviamo gli amanti del di più, del troppo, dell’Addizione e della stratificazione.

C’è un mio caro amico, siciliano di nascita e nomade italico per necessità, che pratica questo stile da sempre e con successo. Nel senso che lui è così e risulta autentico nei panni che ha scelto di abbinare e vestire. Abbina con disinvoltura tweed e fucsia, occhiali appariscenti e coppola sicula, pantaloni gialli larghi e blazer da ufficio.

Uno stile decisamente sopra le righe. Come è lui.

Sul piano collettivo, un esempio calzante di quello di cui si discorre è #irisapfel. Il suo motto è More is More and Less is Bore, ovvero Più è più e meno è noioso.

La sua immagine risulta sempre carica di mix audaci e di stampe sovrapposte e mescolate ed iperaccessoriata. C’è chi approva e chi meno ma per chi ama spingersi ai confini del mondo e di sé è un valido esercizio, quello di sovvertire le regole, almeno qualche volta, e mandare a riposo le regole sui colori da abbinare e il bon ton.

I ricconi non vestono così bene come quelli che si devono dare da fare, come chi deve mettere a frutto la propria inventiva. Parola di Iris.

L’importante è essere autentici perché limitarsi a comprare ed abbinare lo sanno fare tutti e, con un po’ di pratica o lasciandosi consigliare, riesce a tutti ma raccontarsi e piacersi e farsi vedere per quello che si è, quella è un’altra storia che implica consapevolezza e maestria e leggiadria.

E voi come siete? Perfettini o stravaganti? Bon ton o vi piace mixare?

Come invecchiare bene 🆘

Dice che i 50 sono i nuovi 30– quindi io, al momento, ho 24 anni.

Sarà tutti gli over di #mariadefilippi, sarà il pensiero della pensione, che per me sarà irraggiungibile, ma butto sbircio sempre le signore agée.

Invecchiare bene è il sogno di tutti da #cocoon in poi.
Posto che la salute è il punto fondamentale come insegnano i saggi, è più che lecito desiderare di non diventare delle befane, di non morire di rughe e di aver accumulato capitali comprando quadri di Modigliani o di averli immobilizzati in beni di lusso.

L’apparenza inganna.

Sogno un futuro aperitivi con le amiche in cui poter sfoggiare la cofana bluette, il fondotinta Chanel, il rossetto YSL e un sorriso Polident. A una certa controllerei l’ora sul mio Iphone XXX e saluterei tutte per una gita al mare col marito anche lui ormai maturo, che fa molto annuncio equivoco, ma sempre brillante e propositivo.

Potrei continuare a sognare ad occhi aperti ma forse l’importante è solo arrivarci, alla vecchiaia.
Nel frattempo, mi lascio ispirare da loro, dalla loro vitalità e gioia di vivere e bellezza!

Muse ispiratrici: Simone De Beauvoir.

Simone De Beauvoir è un incontro che ricorderò per tutta la vita: il suo Memorie di una Ragazza Perbene ha cambiato il mio modo di pensare e vedere il mondo.

Il padre di Simone la reputava così intelligente da dirle che aveva “il cervello di un uomo” ed il suo mantra diventa:

Essere donna vuol dire

Essere un uomo come un altro.

Sdb

Se volete avvicinarvi al suo stile dovete scavare dentro voi stesse con quel potente bisturi con cui solitamente esaminate e soppesate parole, immagini ed omissioni altrui. Andate oltre le vetrine e le apparenze e sondate i vostri pensieri.

Prendete ad ispirazione questa mente straordinaria, originale, capace di andare oltre tutti gli stereotipi di genere e comportarsi secondo la sua essenza, senza adeguarsi a quello che la gente si aspetta per convenzione sia giusto e dignitoso fare. Guardiamo al suo rapporto con J-P. Sartre: ha lasciato che l’amore fosse semplicemente un sentimento, in continua evoluzione e cambiamento, lasciando cadere a terra definizioni ed aspettative, anche le proprie, che è la parte più difficile.

Simone De Beauvoir: foto da archivio personale.


Ha scelto di essere libera.

Nelle Lettere a M. Algren, scrive:

Quella che io sono oggi, lo devo per la maggior parte a lui.

Certamente, anche io, io l’ho aiutato ad essere chi è oggi.

Sdb

Questa estrema complessità mentale si ribalta in uno stile che ora come ora mi piace immaginare essenziale ma audace.

Tenete d’occhio questi stilisti:

Patrizia Pepe, capace di fare questo:

Chie Mihara:

Décolletés Mihara

E, per concludere, la proposta di Ann Demeulemeester ambiziosa quanto basica nelle scelte cromatiche:

Nel 2008, #marcjacobs disegna una collezione ispirata a Simone De Beauvoir per #louisvuitton, lasciandosi ispirare dalla sua libertà dai condizionamenti e dal suo amore per la vita.

Microblanding: come avere sopracciglia perfette.

Il microblanding è uno dei miei famosi autoregali 😃 Sì, a quanto pare ho gusti difficili in fatto di regali.. di conseguenza, ho imparato a premiarmi da sola con quello che voglio. Così siamo tutti contenti.


Ho provato il microblanding ed il mio piccolo supereroe n. 2 ha esclamato: “Mamma sei ringiovanita di 20 anni!”.

Di conseguenza: Trattamento decisamente approvato!

Ringraziamo Miss Cara Delevingne se le sopracciglia non devono più essere sottili ed artefatte. Adesso le sopracciglia sono archi più folti e compatti.
La parola chiave in questo campo è:


curate ma naturali

Io ho optato per una professionista il cui marchio di fabbrica è la naturalezza. Non amo le sopracciglia alla Ken di Barbie.

Oltretutto avere un disegno da seguire sotto permette di essere più precise e veloci nel togliere i peli fuori posto.

Dopo il trattamento e per quindici giorni, bisogna applicare una crema emolliente e curativa, aspettando che si formino delle crosticine bianche da lasciar cadere da sole.
Un mese dopo il primo trattamento si fa il refill del disegno, apportando delle modifiche se necessario.

Sono molto soddisfatta e, come #chictherapy, alzarsi la mattina e vedersi in ordine e curate fa iniziare la giornata con il sorriso e, in tempi di Smart-working e di poche occasioni per uscire, ti cambia lo spirito della giornata.

Facial Yoga 🙅🏽‍♀️: meglio di un lifting!



Le star di tutto il mondo ne sono dipendenti. Il Facial Yoga è come una droga.

MA COS’È ESATTAMENTE?

Messo a punto ALLA FINE DEGLI ANNI ‘70 DA CATHERINE URWITZ, LO YOGA FACCIALE È UN MIX DI HATHA YOGA E ESTETICA e permette di evitare o quantomeno ritardare il ricorso alla chirurgia estetica.





QUESTA GINNASTICA FACCIALE PUÒ CONTRIBUIRE ED ELIMINARE LE RUGHETTE, IL CEDIMENTO CUTANEO E LE RUGHE PIÙ PROFONDE, CONFERENDO ALLA PELLE UN ASPETTO PIÙ MORBIDO E PIÙ GIOVANE.

Vi giuro che tempo fa, quando ancora si poteva andare in palestra, facevo esercizi vicino ad una bella signora di apparenti 50 anni, la quale in realtà ne aveva 65!! Il suo segreto? Lo yoga facciale.

Lo yoga facciale comprende una serie di esercizi che si fanno fare al viso tramite l’utilizzo delle proprie mani e facendo smorfia, i quali sono in grado di modificare gli inestetismi e tonificare i muscoli del viso per aiutare a far scomparire le rughe.
Il principio base è quello di sbloccare i muscoli nei punti in cui tendiamo ad accumulare tensioni, come le mandibole, le sopracciglia e la fronte, può limitare le espressioni del viso responsabili della formazione delle rughe.

Serie di esercizi base di Yoga Facciale.

Di solito trascuriamo il viso, concentrandoci solo sui muscoli da allenare con gli attrezzi.

Lo yoga facciale è il complemento ideale ai prodotti di bellezza a casa, un rinforzo positivo anti-età.

Differenza Prima e Dopo lo Yoga Facciale.

Ogni giorno di mattina, davanti allo specchio, prenditi cinque minuti da dedicare al tuo viso e vedrai che i segni del tempo spariranno.


E allora? Sei pronta al Facial Yoga?

Melania Trump: il Dress power 💪🏼

Melania è, per ovvie ragioni, tra le persone più fotografate al mondo. Con le sue mises fa concorrenza a Jackie per quanto è armoniosa ed impeccabile.

Peccato che l’espressività del viso non lasci spesso alcun beneficio del dubbio: la sua mimica facciale non delude mai, né nel bene né nel male.

L’apparizione a sostegno della seconda candidatura di #donaldtrump in verde militare denota che, oltre ad essere poco diplomatica quanto a linguaggio del corpo, Melania scopiazza idee e look dalle star.
Il tailleur in questione di #alexandermcqueen era già stato visto e notato indosso a #kaiagerber, seppur in una versione più fresca e meno Armata Rossa.

Melania in verde militare sembra un membro di una flotta aerea.

Il messaggio era chiaro e rivolto agli elettori di Trump, amanti di armi e divise. Votate LUI per continuare ad acquistare e detenere in casa armi con cui difendervi da presunti nemici.

Personalmente trovo Melania bellissima è una delle poche donne al mondo che può indossare tutto senza perdere la sua Fashion Allure e sicuramente sarà stata costretta dalla Ragion di Stato ad un simile outfit.

La preferisco in versione bon ton, come al Discorso di Inaugurazione della Presidenza:

Un abito celeste carta di zucchero che fa l’occhiolino alla First Lady Jacqueline Kennedy.

Sono sicura che Melania sia una donna estremamente intelligente e determinata come testimonia la biografia #melaniandme in uscita in settimana. Una persona che sa presenziare con un’immagine invidiabile, che parla varie lingue, dotata di buon gusto ed acume che alla domanda volta a metterla in difficoltà sulle infedeltà del marito, risponde:

Io so chi ho sposato.

Quante persone conoscete che possono dire altrettanto?

Come vestirsi da ricch* 💰💰💸

Come apparire ricchi e fighi.

Ammettiamolo, senza indagare nei conti correnti altrui, spesso ci domandiamo come avere un guardaroba bello e versatile e non da pezzenti, senza dare fondo a tutti i nostri averi.

In realtà, bastano piccoli accorgimenti, investimenti mirati, magari durante saldi e svendite, capi (pochi) ma durevoli, mix di alta qualità e fast fashion.

Lo so che sarebbe più semplice poter andare in negozio e comprare senza limiti e paure ma, se così non è, continua a leggere.

Quindi, passiamo alle

3 regole auree dello sfigheggiare da ricchi:

  • Approfittare sempre di svendite, saldi e last call.
  • Risparmiare per investire in Capi Eterni (in questo momento ti sfuggono? Accomodati pure alla Sezione Eterni del Blog).
  • Mai darsi allo shopping compulsivo di pezzi difficili da abbinare, per colore o foggia, a prezzi bassi. Meglio respirare ed aspettare.

Per proseguire, 4 idee di outfits da tenere sempre pronti per apparire al meglio, perché a volte non è che siamo pezzenti è che manca la voglia o l’ispirazione per vestirsi bene e, visto che uno dei miei mantra è: L’organizzazione rende liberi, di seguito alcune idee salva look per i momenti NO o per quelli in cui la fretta ha il sopravvento.

  1. L’outfit monocromatico nel TUO colore guida: quando non hai voglia di pensare e pronunci la fatidica frase: Non ho niente da mettermi! Scegli lui l’abbinamento già pronto all’uso
Outfit di Sole e d’Azzurro.
Outfit Cammello.

2. L’outfit che ti salva H24, per la serie esco dal lavoro e vado all’aperitivo: la jumpsuit nera, abbinata con trench (leggete la rubrica gli Eterni del Blog!) e con cambio borsa a metà giornata, passando da borsa di giorno a micro borsa per la sera.

La jumpsuit nera abbinata ad un sandalo basic
Tuta nera casual e scarpe comode, anche così l’effetto resta gradevole.

3. Outfit Stratificato, da utilizzare in caso di tempo meteorologico/località dove recarsi incerti. Vi sembrerà strano ma il vestirsi a cipolla con stile fa molto riccanza.

Questo outfit va molto pensato e bilanciato per evitare l’effetto “Sto scappando di cas@”.
Vestirsi a strati con gusto.

E, dulcis in fundo, ossia il mio preferito: il tubino sdrammatizzato.

Kendall Jenner con un tubino mescolato a capi che sembrano presi dall’armadio di Keanu Reeves.
Abbinamento sempre chic: Nero+Cammello.

Spero di avervi dato consigli utili per presentarvi sempre al meglio ♥️.

Come sarebbe un mondo di Dis-Armonia.

Si può parlare di colori in chiave di scelte consapevolmente disarmoniche e contro corrente.

Partiamo dal caso concreto: io sarei una castano media tendente al cenere, mi sento me stessa con i capelli neri che cozzano con una carnagione chiarissima.

E va bene così.

Con i miei colori naturali sono più armonica e senza contrasti, ma non sono io, mi percepisco in disordine e a disagio senza il colore di capelli nero che prediligo consapevolmente.

Marylin Monroe al naturale e bionda platino.

Il look da pin-up di Marylin funziona solo da bionda. Perchè?

Perché così i colori ed i contrasti utilizzati in questo tipo di immagine risaltano maggiormente. Da castana Marylin è intensa e dolce, da bionda è una bambolina bionda, che è l’immagine che voleva dare di lei o almeno quella che trainava la sua carriera.

Altro esempio: Kloe Kardashian.

L’evoluzione di Kloe Kardashian dagli inizi ad oggi.

Che dire? Kloe ha fatto scelte radicali e sicuramente ha cambiato personal trainer e parrucchiere ed è andata contro la sua natura di Donna castano Scura con carnagione chiara (Estate pura come Kate Middleton) per migrare verso una immagine di bellezza californiana con capelli finto naturalmente ondulati ed abbronzatura marcata ed esaltata da olio ed illuminante. È credibile? No, ma ottiene l’effetto di differenziarsi nettamente dalle sorelle e di guadagnare una sua propria identità. Per cui le sue scelte sono corrette dal punto di vista del suo scopo finale.

Tutto va bene in relazione al risultato che vogliamo ottenere.

Dita Von Teese: sembra un’altra persona!

Quando un personaggio ha un’immagine così iconica, si fatica molto a vederlo in altri panni. Dita von Teese è appunto un personaggio. Non sarebbe lei se tornasse al suo biondo e abbandonasse i rossetti rossi. Certo, si vede che il suo non è un look naturale, ma il fine giustifica i mezzi. Anche se i capelli sono troppo scuri ed il look è poco naturale nell’insieme, ma è assolutamente credibile e bella così!

In conclusione, incontriamo rare eccezioni in cui la personalità o il personaggio che si interpreta, sono più forti dell’armonia naturale dei colori. In questi casi non si può fare riferimento all’armocromia in modo completo, ma la propria stagione andrà rivista, la palette andrà aggiustata per adattarla ai colori meno naturali che scegliamo e che ci fanno sentire più a nostro agio.

La figlia n. 1 ad esempio, ormai adolescente, è una Autunno scuro. Detesta il colore rosso che la fa sentire strana e che, ciononostante, le sta benissimo. Abbiamo aggiustato la sua palette mettendo qualche puntino di rosso qua e là ed optando per rossi-Viola che le piacciono di più.

La palette va intonata alla personalità.

Ma se vi fate rosse, magari si consiglio del parrucchiere e vi vedete brutte; se vi guardate allo speccchio senza convinzione, se mettete i rossetti rossi ma vi sentite Moira Orfei al suo debutto al circo, se non volete stravolgere il vostro look ma volete apparire al meglio in ogni situazione, da quella formale a quella informale, allora l’armocromia è la chiave, diciamo il porto sicuro da cui partire solo dopo aver imparato a padroneggiare la vostra palette.

Indipendentemente dalle scelte sulla vostra immagine, consiglio a chiunque, perché anche Madonna ne ha bisogno e si affida ad esperti, di fare una consulenza del colore: una volta stabiliti i colori che naturalmente ci valorizzano, abbiamo le carte in mano per scegliere cosa accettiamo e cosa scegliamo di cambiare in base al nostro gusto personale ed alla nostra personalità.