Vademecum definitivo per curvy

La prima e fondamentale regola d’oro è:

Va bene così.
Costringersi a diventare filiformi quando la propria corporatura o forma del corpo è diversa, a mio avviso è un inutile perdita di energia mentale e fisica.

Una volta che si mangia abbastanza correttamente e si fa attività fisica, il resto viene da sè. Ritengo personalmente meglio avere di fronte una persona risolta, sicura di sé e consapevole che magra.

Comunque, andiamo avanti con la cara GUIDA DEFINITIVA per vestirsi bene in quanto curvy:

Il Punto G.

Impariamo a designare un nostro punto di forza, una parte del corpo che amiamo particolarmente: le tette, la schiena, le spalle, le gambe, ed impariamo a valorizzarla con capi che la mettano in bella vista. Se ad esempio abbiamo una predilezione per la schiena, scegliamo maglie ed abiti che la lasciano scoperta, bilanciando #perdire il seno con un reggiseno a coppe trasparenti.

Altezza mezza Bellezza.

Bisogna slanciare la figura!

Quindi o Tacchi 👠 oppure Gonne e Pantaloni a Vita Alta con Tee o Camicie infilate dentro non mi fate vedere obbrobri. Via libera a tubini e gonne svasate Stile Vintage.

Occhio non vede, Cuore non duole.

Se ritenete di avere dei difetti, reali o immaginari che siano, nascondeteli.

La lingerie contenitiva fa miracoli e i push-up pure.

Usiamoli!

Dulcis in fundo: l’equilibrio e l’armonia delle linee sono essenziali.

Esempio pratico: volete mettere degli shorts ma avete le coscie grosse. Innanzitutto compriamo shorts della taglia giusta che non strizzino i prosciutti di casa dove non devono, poi bilanciamo con un blazer di media lunghezza come capo spalla e dei tacchi.

In conclusione, in Italia per curvy intendiamo una 44, mentre nel resto del mondo le curvy partono dalla 50. In Italia i negozi acquistano solo taglie magre perché abbiamo problemi gravi di mentalità e invece che curvy le chiamiamo Taglie Comode (comode per chi?) e tagliano centimetri su cosce e fianchi per aderire a virtuali standards di perfezione. Vuol dire che lo stesso capo venduto in un negozio inglese o danese veste più morbido che in Italia.

Mettiamo fine al terrorismo mediatico e instagrammatico dell’essere filiformi (ma con culo e tette stile Barbie) ed iniziamo a valorizzarci e va bene così.

Essere equilibrati è meglio che essere magri.

Come abbinare i colori in 5 steps 🆘

Guida semplice in cinque steps per azzeccare sempre l’abbinamento di vestiti.

Abbinare i colori è una delle cose che mette più in crisi e spesso si declina il proprio outfit un unico colore dalla testa ai piedi per paura di sbagliare.

Ma, c’è un ma,

con questo metodo infallibile imparerete anche voi ad abbinare i colori!

La base per saper abbinare bene è non tanto o non solo il buon gusto quanto il saper usare il cerchio cromatico.

Il cerchio cromatico: il tuo assistente.

Tenendo il cerchio cromatico come punto di partenza, possiamo:

  • Abbinare colori Analoghi= vicini nrll’Arco Cromatico.






Chic Therapy

In questo caso particolare, oltre ad essere colori vicini, essi richiamano anche accostamenti che ritroviamo in natura: riprendere abbinamenti dalla Natura, perfetta nei suoi equilibri anche cromatici, è garanzia di successo.

  • Abbinamento Colori Analoghi King Size





Chic Therapy

Chiaramente bisogna scegliere un colore dominante, cui gli altri faranno da supporto, per ricreare un’impressione di dolce armonia.

  • Abbinamento di Colori Complementari (opposti)

Implica un livello avanzato di capacità di abbinare, per cui se non vi sentite pronti fermatevi ai primi due steps fin quando li padroneggerete bene.

Questi colori insieme si valorizzano a vicenda. Curioso sapere che, al contrario, se mescolati originano un colore grigio topo 😃:

gli opposti si attraggono ma devono restare ben distinti perché il risultato sia degno di nota.

Chic Therapy

Chic Therapy

  • Abbinamento di Colori Complementari Divergente

Consiste nello scegliere un colore e poi i due colori che si trovano, rispettivamente, a destra e a sinistra del suo complementare. L’effetto è più armonico e bilanciano lo spazio ottico con tre colori, di cui uno dominante e gli altri ausiliari.

  • Abbinamento di Tre Colori Equidistanti
Abbinamento di Colori equidistanti.

Trovo questo abbinamento fintamente complicato e di grande effetto.

Usate l’accortezza di abbinare colori con la stessa intensità (o tutti pastello o tutti brillanti) ed il gioco è fatto!

Armadio Livello PRO: Less is the new black 🕶


In questi mesi abbiamo rallentato per forza il ritmo delle nostre vite.

E quando si cambia impostazione di vita uno dei primi posti da riordinare in base alle nostre nuove priorità è l’armadio.

L’armadio e i cassetti sono spesso colmi di cose inutili. Ammettiamolo tutto insieme: usiamo il 30% di quello che teniamo lì dentro.

Sapete quante cose capisco di una persona semplicemente aprendo il suo armadio? Molte. Capisco se sa prendere decisioni, se sta vivendo un momento nostalgico-regressivo, se sta bene finanziariamente.

Quindi, occhio al vostro Armadio.

Spesso accumuliamo capi per svariate motivazioni che poco hanno a che fare con noi: regali poco centrati, vestiti acquisiti da altri o presi sull’onda di shopping compulsivo.

Via i regali inappropriati, i jeans degli Anni ’90 e le magliette di tessuti pro sudorazione eccessiva.

Via i capi inutili. Se non indossiamo qualcosa da due anni, non la indosseremo più e quindi deve sloggiare dal nostro armadio.

Avere un guardaroba minimal e dove circola aria significa dare spazio alla propria energia.

Ciò che indossi parla di te ed influisce su come ti senti.

In un cassetto sgombro dove sono riposte un numero accettabile di magliette sicuramente scegli meglio cosa indossare.

Se apri l’armadio e ci sono cataste di indumenti tra cui discernere il tuo buon umore risulterà contrastato da questa pesantezza materiale, dal fardello di doversi trascinare anno per anno questi abiti inutili.

  • Le cose che possediamo se non determinano, influiscono pesantemente su quello che siamo. Di conseguenza, il COME, ossia il procedimento con cui ci si veste, determina ciò che sei in un duplice senso:
  • Indossando cose che ci fanno sentire noi stessi e che significano qualcosa per noi il nostro atteggiamento cambia in meglio perché siamo più sicuri e questo si percepisce.

Ridurre al minimo significa focalizzare quello che veramente è importante.

Io ci ho messo un weekend a riordinare gli armadi di figlio n. 2 e n. 3, perché tra trasloco e quarantena non c’era mai stato il modo e perché in effetti non erano poi messi così male.

Il mio armadio lo rimando a quando consegneranno i mobili della camera e già so che l’impegno sarà più mentale che fisico. Lasciar andare è difficile ma necessario quando il rapporto ha dato tutto quello che poteva dare.

E non vedo l’ora di essere più minimalista che mai! 😃

La quintessenza di un armadio minimalista è ideare una divisa, anzi delle divise, a seconda delle occasioni di vita che abbiamo.

Di fatto, un guardaroba minimalista ti consentirà di risparmiare, investendo su capi di qualità.

Il punto di partenza è la definizione del proprio stile. Scegli come vuoi vestirti, che tipo di capi non vuoi più indossare, cosa vuoi invece metterti addosso.

Ora scegli i colori.

Per farlo bisogna conoscere la propria palette ma anche se stessi: se amiamo una tinta che non rientra nei nostri colori secondo l’Armocromia, è sufficiente utilizzarlo lontano dal viso.

Abbinando ai nostri colori prescelti delle gamme neutre, come nero, bianco, beige, écru, blu o grigio semplificherà la vita. Quindi ogni look per ogni ambito avrà uno o più colori tra i nostri prediletti abbinati a colori neutri.

In realtà a me piace molto accostare i colori complementari ma questo è il livello PRO della consulenza di immagine.

Riducendo il numero di capi da sistemare in Armadio avrai una visione più precisa ed organizzata della tua esteriorità.

L’ordine esteriore corrisponde a quello interiore, per cui un sano minimalismo porterà a risultati migliori senza sprechi di energie e tempo.

Avete da fare il prossimo weekend.

La mascherina: un nuovo accessorio 😷

La Mascherina è l’effetto più visibile di questo nuovo tempo post Covid 19.

Un nuovo status symbol che rivela molto di chi le indossa: ci sono quelle ecosostenibili, quelle usa e getta, le mascherine addolcite da un ricamo e quelle con loghi noti.

Un modo per celarci al mondo (finalmente posso parlare da sola e cantare in auto al riparo da sguardi indiscreti) ed anche per dichiarare agli altri un qualcosa di noi. Come tutto quello che indossiamo, anche la mascherina parla di noi.

Nuovo look post-pandemia.

Già nel 1918, durante la pandemia della cosiddetta “spagnola”, la mascherina era diventata un accessorio accettato da tutti per proteggersi dal nemico invisibile.

Adesso è un accessorio obbligatorio attraverso cui comunicare in tempo di pandemia e un occasione di guadagno per le aziende di moda fortemente penalizzate dal lockdown. Non a casa Louis Vuitton nel nuovo sito produttivo texano, ha convertito la sua produzione a favore di queste, sfruttando a proprio favore questa inaspettata moda cogente.

La mascherina di #fendi in seta con il celebre monogramma in fascia di prezzo alta è andata in sold-out in una manciata di minuti e lo è tuttora.

Mascherina griffata.

La mascherina di #offwhite, il cui motto è: Il lusso a portata di mano, è quella più ambita dai teenagers ed è indisponibile da giorni, al prezzo di 95,00 $.

Mascherina con le frecce.

Anche la mascherina diventa fashion. E perché no?

Le mascherine colorate e con personaggi rassicuranti e carini, come Hello Kitty o i personaggi Warner Bros, ne attenuano la valenza di presidio protettivo e sdrammatizzano la necessità di indossarle per obbligo di legge. In linea di massima valgono le regole della Armocromia, evitando il Rosso in questo particolare frangente perché è IL colore dell’Emergenza.

Senza spendere follie, quelle colorate sono sicuramente un modo per avere un’immagine migliore rispetto alle mascherine verdi chirurgiche che sembrano trasformare il mondo in una grande sala d’attesa ospedaliera bianca, senza luci colorate.

È chiaro che tre mesi fa le mascherine medica ci hanno protetto e salvato ma, in vista di una ripresa di una vita che sia anche meglio di prima, quelle delle aziende di moda sarebbero da preferire.

Con la mascherina, risaltano gli occhi.

Minimal chic post pandemia

Abbiamo vissuto un tempo sospeso impensabile fino a pochi mesi fa. Un tempo fatto di casa, di attività essenziali, di paura del mondo esterno e finanche di quello interno.

Adesso è il momento del post, della rinascita preceduta da riflessione.

Molto è già cambiato a livello di consumi: lievito per pane e pizza introvabile, così come i tappetini da yoga; cultura e viaggi fruibili in via virtuale; crollo dei viaggi di lavoro a vantaggio di videochiamate e Skype call. Il futuro è arrivato in una notte: l’ufficio è in casa; la scuola anche. Si mangia e si cucina insieme, con i colleghi che ascoltano i figli discutere o guardare la TV. Non serve più truccarsi in auto.. non serve più truccarsi.

Dove siamo arrivati con il teletrasporto della pandemia?

Non nel migliore dei mondi possibili ma, mi piace pensare, in un mondo migliore.

La moda in tal senso è la regola, non l’eccezione.

Assistiamo ad un ritorno alla sostanza delle cose, all’essenziale. La Moda ha ridotto le collezioni a due l’anno, ha rallentato e puntato sul lavoro, sui tagli sartoriali, sulle linee pulite e senza limiti di eccessiva caducità.

Siamo tornati al minimalismo ed alla praticità in contrapposizione al logo ovunque ed alle linee sovrabbondanti.

Come diceva Coco: prima di uscire, guardati allo specchio e togli qualcosa che non sbagli mai.
All you need is Less 🦋

La Danza dei Colleghi

C'è la collega che con lei mai una salita, ti guarda e ti saluta senza una sfida
quella che ti protegge quando nell'aria volano schegge,
quella che ha il tempismo
quedel buddismo.

C'è quella che riconosci i tacchi tra un piano e l'altro,
quella che ha un sorriso scaltro,
quella lamentosa ma anche grintosa.

C'è quella a cui non devi spiegare nulla,
un giorno io e domani tu,
senza bisogno di essere bulla.
C'è l'arrivista stakanovista e pure la feticista.

C'è la vicina di scrivania che ha tutto in borsa e
quella che non perde mai tempo perché è sempre di corsa.

Qua e là ci sono belle persone:
colleghi piacevoli,
capi ammirevoli eppure autorevoli.

Siamo riusciti a lavorare da casa, senza preavviso e con efficacia, sogno un ufficio in cui diverso non vuol più dire controverso, dove essere originale diventerà banale.
Un ufficio così sarà meraviglioso e tornarci da casa ancor più delizioso.

Il tuo aspetto fa gne-gne?

Se qualcosa ti fa sentire sicura di te e bellissima, allora va ancora di moda.

Jamie Krell

Innanzitutto: scegliamo una o piu icone di stile che ci ispirano.

Se non avete idea su chi siano queste IT Women Super Cool:

Alexa Chung

View this post on Instagram

Doing fine over here

A post shared by Alexa Chung (@alexachung) on

Poppy Delevingne

https://www.instagram.com/poppydelevingne/

Dree Hemingway, che indossa tubino e jeans ma insieme.

Bianca Brandolini

https://www.instagram.com/biancabrandolini/?hl=it

Fatevi un giro sui loro profili social e lasciatevi permeare dalla loro incredibile conoscenza dello Style. Dalla loro sicurezza, reale o immaginaria?, non lo sappiamo e non interessa in questa sede.

Avere una guida ed un’idea di dove andare rende il tragitto più semplice. In auto usate il navigatore per evitare di perdervi? Così nel vostro guardaroba dovete avere le idee altrettanto chiare per evitare sprechi di tempo e denaro. Avere in testa un modello aiuta a tirare fuori il meglio; stimola la propria evoluzione con punti di vista diversi.

Ognuno guarda il mondo attraverso i propri occhiali.

I. Kant

Per fare passi avanti bisogna affrancarsi dall’ottica del nostro piccolo giardino recintato e dare un’occhiata in giro per il mondo, indossando anche gli occhiali degli altri. Perché no?

Iniziate oggi a creare la vostra personale Mood Board.

E se volete condividetela nei commenti ♥️

Sono curiosa ed interessata.

Sei una Donna Estate?

La Donna estate è chiara di pelle e capelli e al primo raggio di sole si procura un bel eritema.

Queste le caratteristiche dell’Estate, da non confondere con la Primavera: sempre attenzione al sottotono della pelle. La Primavera detiene il primato della luminosità, mentre l’Estate quella di un equilibrio soffuso e con una sensazione di Pastello.

La palette Estate è sicuramente elegante: colori soft e tono su tono, delicati e non in contrasto acceso, che indossati regalano

un’immagine sofisticata e sobria.

Palette Donna Estate

La donna Estate ha pelle trasparente e rosea, capelli cenere o biondi, occhi azzurri, verdi, grigi o castani ed è delicatamente chiara.

Alcune donne Estate si abbronzano facilmente anche se sono chiare e da questo deriva una notevole difficoltà ad individuarle. Per visualizzare una Donna Estate e avere un esempio concreto pensate a #katemiddleton.

Con colore pastello sta benissimo.

Le caratteristiche della Donna Estate

Nel caso di Donna Estate versus Donna Primavera, la prima sta bene con colori freddi e soft; la seconda con colori caldi e brillanti.

Una volta appurato di appartenere a questo Gruppo sarà il nostro tratto dominante a decidere se siamo Estate Scura, Pura o Soft.

Bianca Balti: Estate Scura.
Jennifer Aniston: Estate Pura, mascherata dalla perenne abbronzatura californiana.
Estate Chiara.

Colore da evitare per questa stagione: il Nero. Ne spegne il colorito e mette in risalto le imperfezioni. Quindi, almeno vicino al viso: MAI PIÙ NERO.

A livello caratteriale, la Donna Estate ha una personalità riflessiva, estremamente cauta nel prendere decisioni, mai affrettata e sempre particolarmente giudiziosa e meditativa, poco incline al cambiamento, riservata, discreta e poco appariscente.

La donna Estate sarebbe anche giudicata non facilmente comprensibile, un po’ ermetica, così come non è facilmente individuabile esteriormente.


Ritorno alla Normalità? Grazie, anche no.

Purtroppo o per fortuna io vedo spesso fatti e cose da una prospettiva diversa da quella della maggioranza.

A me è piaciuto stare in reclusione.

Ebbene sì: amo stare per conto mio, pensavate scherzassi quando dicevo che vengo da un altro pianeta?


Partiamo dal giorno dell’annuncio del #lockdown: trasloco nella casa ristrutturata fatto in un weekend, cartoni ovunque, pensieri affollati, compleanno del piccolo supereroe fatto tra mille incertezze con un mucchio di amichetti scatenati, tante novità che si sovrapponevano al vecchio stile di vita.

Io sono una in cui il mondo interiore supera di gran lunga quello esteriore, ho bisogno di calma e silenzio per scrivere e pensare, per cui già normalmente il mio ambiente è casa.

Stare in casa ha i suoi benefici effetti.

Questo non vuol dire che non ami uscire o stare in mezzo agli altri: lo adoro, e per certi versi ne ho bisogno, per essere stimolata da punti di vista differenti, ma stare in casa per me è una condizione naturale.

Sicuramente ho sofferto meno di altri.

E quindi, eccomi: io sono perfettamente allineata ai miei bisogni profondi. Il che non significa non essere preoccupata della pandemia in corso.

Sono certa che anche altre persone la vivono come me e tacciono per non risultare impopolari.

In sintesi, la mia personalità si è perfettamente conformata a questa situazione di STOP 🛑.

Come l’acqua, che prende la forma del recipiente in cui si trova. Io mi adatto a tutte le situazioni e questa mi è particolarmente congeniale.

Stare accanto, in ascolto, senza correre altrove.

Mi sono mancate le mie passeggiate nel verde e i miei tragitti “musicali” in auto. La colazione al bar. Il mio tempo da adulta in ufficio. Le vetrine dei negozi da spulciare. Andare in libreria. Ma io nel mio mondo casalingo ci sto benissimo e non sono certa ci sia da vantarsene.

Questa bolla è il mio rifugio.

❗️Non si può fare nulla, per cui zero pressioni a fare.

‼️ Non ci sono eventi sociali o familiari in programma, per cui zero scuse da inventarsi per stare tranquilli a casa.

⁉️ La mia concezione di Amici comprende una cerchia ridotta all’osso di persone, con cui comunico tranquillamente via chat o videochiamare; non amo toccare o abbracciare le persone, per cui zero contatto fisico dal mio punto di vista è un premio.

Pratico yoga all’alba nel silenzio totale e attività fisica al chiuso: andare in una palestra tradizionale con saluti e convenzioni sociali da rispettare per me è uno strazio.

Amo alla follia pianificare la mia vita indoor.

In casa ho tutto quello che nutre la parte non nevrotica del mio spirito: libri, film, serie TV, Internet, Musica, Yoga, i miei affetti. E sono consapevole di essere molto più brava a stare in casa e inventarmi un mondo, molto più che a socializzare.

Mi vanto di essere social ed asociale.

In questa quarantena, ho scritto almeno un articolo ogni due giorni, rispettato il mio calendario editoriale, lavorato con ritmi e in una dimensione differente, letto a più non posso, guardato film fino a notte fonda, fatto consulenza on line in tutta calma, inoltrato pratiche burocratiche senza correre da un ufficio all’altro, mi sono immersa nel mondo dei miei figli senza salvagente. Fatto sport secondo i miei orari e preferenze. Ho avuto il tempo di riordinare dopo il trasloco senza fretta e fatica. Abbiamo partecipato ad un casting.

Sono stata anche con le mani in mano.

Svegliarmi la mattina sapendo di passare la giornata in casa con le mie persone preferite mi conforta e mi fa stare tranquilla.

Adesso il ritorno alla normalità mi attrae e mi respinge: ho paura di essermi assuefatta 🆘 a questa condizione e che mi piaccia più della vita fuori.

Come scriveva Emily Dickinson, reclusa volontaria nella Homestead, la casa paterna:

C’è una solitudine dello spazio,
una del mare e una della morte, ma queste
compagnia saranno
in confronto
a quel più profondo punto,
quell’isolamento polare di un’anima
Ammessa alla presenza di se stessa.

All You need is Inside.

Il beneficio del dubbio ovvero la verità sulla scuola a distanza

Cuore non vede, occhio non duole ovvero occhio che duole, cuore che vede. Insomma come in fatto di corna e tradimenti, così per la scuola è meglio mantenere il velo di Maya della inconsapevolezza, ovvero la divisione dei ruoli, grazie a cui ognuno Divide et Impera negli spazi che gli appartengono.

Con la scuola a distanza, a distanza dagli insegnanti perché io ce l’ho in stanza invece, la parete divisoria tra scuola e casa si è dissolta, i ruoli si sono mescolati con innescarsi di crisi di identità ad effetto domino: adesso è la maestra che chiude la lezione on line e se ne torna alla sua pace, mentre per te iniziano le responsabilità di far entrare nella testa del l’alunno, sangue del tuo sangue, che i compiti si fanno anche se a scuola non ci va, che la punta delle matite non si autogenera per magia, toccherà a te regolare i suoi ritmi intestinali a Storia, in un continuum dove tutti hanno bisogno di te ma tu hai bisogno dei bidelli.. ops scusate personale ausiliario.

Io a scuola ci sono già stata e non ci voglio tornare! Voglio i bidelli che mi placcano all’entrata tipo giocatori di rugby e mi trattano come una potenziale ladra di bambini.

Voglio salutare gli infanti e andare al lavoro in ufficio, con la musica a palla nel tragitto.

Adesso con la scuola in stanza sappiamo tutti e non va bene.

Il re è nudo.

Io passo il tempo delle videolezioni dei miei figli con le cuffie per non essere costretta a tapparmi le orecchie e fare lalalala e per evitare battute in live e finire in presidenza. Non mi è mai successo alle superiori.. mi succederà a casa mia?

Voglio non sapere, la divisione degli ambiti, come tra Stato e Chiesa, voglio ignorare o semplicemente supporre ma non avere la certezza.

Scelgo di illudermi, scelgo il prosciutto sugli occhi e nelle orecchie. Scelgo la pillola rossa di Alice nel Paese delle Meraviglie, quella che ti faceva credere di non essere un cesto di lumache per le corna visibili anche col satellite.

Se a settembre non vi riprendete il paccchetti completo di insegnanti e classe di ungulati primitivi, la scuola a distanza i miei figli la faranno dalla roulotte, dove andremo a vivere dopo aver comprato un milione di euro di cartucce per stampante.

Io non mi voglio occupare delle mille mila schede da stampare e inviti con password indecifrabili che piovono come le rane in Magnolia.

Io rido per non piangere ed ho cambiato le mie preferenze riguardo compagni di scuola dei miei ungulati analfabeti che chiamo figli: Priscilda, come non amarla? Ogni volta che c’è una verifica lei non ha connessione o i suoi lavorano e lei non ha devices per connettersi o deve portare fuori il cane che sennò il karma si scombina. Anzi, finito tutto devo ricordarmi di fare aperitivo con i genitori di Priscilda: bravi, state facendo un buon lavoro! I miei si fanno venire un attacco di cuore solo se arrivano un minuto in ritardo alla lezione nel magico mondo di Mork e Mindy, Priscilda se ne fotte e si connette quando le va e quando non c’è pericolo di mettersi alla prova.

La scuola in stanza da separati implica che rido tantissimo quando è il weekend che non tocca a me far fare loro i compiti e il venerdì di Prove del Cuoco, ovvero di verifiche per vedere se la scuola ad cazzum funziona.

E rido in barba al rigido Trattato di Famiglia: quello che succede a Las Vegas resta a Las Vegas. In sintesi: cazzi e buoi dei paesi tuoi.

Quando avrò capito tutti gli anfratti del registro elettronico, sarò in grado di fare la Social Media Manager di Belen. Ed è proprio sul registro che noto un fatto ambiguo: compiti di esperanto consegnati. Ecco i miei ungulati analfabeti disfunzionali non hanno mai fatto esperanto 😒 O almeno credo. E quindi chiedo a loro. E loro, gli infanti del Regno di Hunger Games: Mamma, ma ci firmasti l’autorizzazione all’esperanto in ottobre mentre dormivi sul divano guardando Grey’s Anatomy. Ecco, io voglio tornare lì, a dormire sul divano mentre loro sono stanchi delle loro otto ore di scuola a distanza da me, a norma della organizzazione punkabbestia della nostra famiglia allagata. Voglio i Servizi Sociali alla porta e che si occupino loro di questa scuola in stanza.

E questo la dice lunga sulla nostra organizzazione punkabbestia e sull’inefficienza dei servizi sociali che non hanno ancora bussato alla nostra porta. A me lasciatemi con i bidelli che adesso applaudiró quando fanno sciopero al venerdì o l’otto gennaio.

Lotta dura alla rottura!

In questo dibattito sulla scuola a distanza, io sto con loro, i dipendenti Ata, perché sono sicura che loro sanno quello che sto passando tra pulizie straordinarie, richieste bizzarre e malanni improvvisi di chi a scuola ci insegna e di chi a scuola impara.

In conclusione, impariamo tutti a non rompere per la Festa della Mamma e io almeno, lo apprezzerò tantissimo. Molto più del solito lavoretto ad minchiam che finisce nel cassonetto appena girate gli occhi.

Grazie.

Nessun ungulato e nessun insegnante è stato maltrattato nel corso di questo episodio.