La moda non passa mai di moda

ªProprio così: la moda non passa mai di moda, come dimostra l’interesse e il clamore intorno alla #milanofashionweek che si svolge proprio in questi giorni.

Io personalmente avrei proprio gola di assistere ad una sfilata per guardare bene le proposte dello stilista, non proprio e non tanto dalla prima fila, il cosiddetto front row, dove siedono i Vip ed i testimonial a vario titolo legati alla Maison, quanto amerei poter assistere sostando nel backstage. Lo immagino come un posto da sogno, dove i tessuti possono in modo inavvertito sfiorarti e dove il look si può ammirare nella sua interezza.

Deve essere entusiasmante, previa conoscenza della casa di moda, ammirare o quantomeno conoscere in anteprima di mesi eventuali conferme o cambi di rotta del creatore di moda, vedere come brand emergenti conquistano l’attenzione, che non esiste solo #karllagerfield, anche se a vedere l’ultima sfilata di #fendi si direbbe il contrario.

E poi, a mio parere, la moda va raccontata, non ci si può limitare a foto e video, sebbene di immediata fruibilità. 

Il Royal Wedding italiano – The Ferragnez

Meno uno al nostro Royal Wedding nazionale: #theferragnez sono in Sicilia, a Noto, che per l’evento si trasformerà in stile californiano, e si preparano al loro matrimonio in Coachella Style, ossia glitterato, tatuato, allegro e perfettamente in versione #instagram.

Lo stile del festival Made in Usa in Sicilia

A meno di un anno dal Sì ( la proposta durante un concerto di Fedez all’arena di Verona) e a soli pochi mesi dalla nascita del primo figlio, Leone, Chiaretta nostra indosserà il suo abito #dior, personalizzato dalla mente stilosa di @mariagraziachiuri; mentre il futuro sposo, Federico Lucia, ha scelto la Maison @versace e la solare @Donatella.

Maria Grazia Chiuri e Chiaretta

Un loro amico celebrerà il rito civile con cui i Ferragnez saranno uniti dal rito Instagram del matrimonio.

Il ricevimento, invece, si terrà presso la @dimoradellebalze, una ventina di chilometri fuori Noto, un casale antico e molto sofisticato, immerso nella campagna sicula.

Il sestetto di damigelle sarà abbigliato in due versioni da @albertaferretti in georgette rosa, con inserti in pizzo, con scollo a V o a 💖, allo scopo di meglio adattarsi alla loro silhouette. Tra di loro: le sorelle della sposa of course, Francesca e Valentina, e quattro amiche.

Gli invitati, circa centocinquanta, sono i membri del jet-set di Instagram, You Tube e Sky, a parte le rispettive tribù familiari al completo: Bianca Balti, Chiara Biasi, Paris Hilton, Alice Carli, J-Ax, i giudici di X – Factor, tra cui Mika e Manuel Agnelli, Luis e la coppia Blasi Totti, solo per citare quelli noti. Tagliato fuori, l’ex migliore amico e collega, @fabiorovazzi, con cui i Reali nostrani hanno chiuso i rapporti per motivi che resteranno i loro, si spera.

La lista di nozze pensata come una raccolta fondi pro buona causa proposta a mezzo mail dai fans/followers per ora ha raccolto fredde adesioni. Staremo a vedere.

In linea con lo stile sobrio del matrimonio, Chiara percorre Noto con la sua mascotte soft creata appositamente dalla Trudi. Sottolineo solo che anche questo gadget ha un profilo @instagram ( come il cane @matildaferragni, la damina delle fedi).

In conclusione, grande tre giorni di festa in Sicilia, dove gli ospiti saranno liberi di postare tutto, ma proprio tutto, a loro insindacabile giudizio, utilizzando l’hashtag #theferragnez.

Buona festa e buon @instagram!

L’abito fa il monaco

å¢In questi giorni la prematura scomparsa di #sergiomarchione, l’Amministratore Delegato di FCA, mi ha fatto riflettere sulla sua scelta di vestirsi sempre nello stesso modo: pullover nero, da cui spuntava il colletto della camicia di preferenza a righe,  e jeans. Un look che tutti riconoscevano come suo.

Look che vuol dire: flessibilità.

Ma perché una persona che poteva permettersi di comprare tutto ha scelto di vestirsi sempre uguale?

Semplice: per distinguersi dalla massa. Questa sorta di divisa diventa un marchio immediatamente riconoscibile e, come abbiamo sentito e letto ovunque in questi giorni, Sergio Marchionne era una testa pensante di quelle toste, al di là dei giudizi di valore sul suo operato.

Ed il modo in cui il resto del mondo ci percepisce ha un enorme ripercussione sul nostro successo personale e professionale. Questa è la verità di partenza.

Avere un marchio di fabbrica, una propria immagine rende unici e vale per chiunque, non solo per i grandi leaders o managers o vips.

La storia insegna:

– Coco Chanel si vestiva sempre con la sua petite robe noir ed un filo di perle. 

– Steve Jobs si era fatto fare dallo stilista giapponese Issey Miyake una volta per tutte il quantitativo di lupetti neri che gli sarebbe occorso per il resto della sua vita.

Marck Zuckerberg ha in guardaroba di felpe e t-shirts in tutte le sfumature di grigio, altro che cinquanta, e jeans.

Tutti questi personaggi ricchi e prestigiosi e molto intelligenti mostrano una nuova ed in realtà sempre presente scelta: un modo di vestire quasi monastico, monocromatico ed internazionale.

Riflettendo su Marchionne, ho concluso che l’abito fa il monaco. E fa anche Coco, Jobs, Zuckerberg, Giorgio Armani ( con la sua t-shirt ed il suo pantalone tono su tono, dove il tono è o di blu o di nero), Albert Einstein ( il suo armadio era fatto di vestiti tutti identici) e tanti altri.

Cosa otteniamo creando uno stile nostro e seriale, una divisa nostra?

1. Siamo subito riconosciuti.

2. L’attenzione degli altri si concentra sulla nostra identità. Poiché l’outfit sarà sempre quello e tutti lo sanno.

Quali sono i capi che ci caratterizzano? Immancabilmente saranno quelli che ci fanno stare bene, che ci provocano sensazioni di agio e benessere.

Io ho cominciato a pensarci anche per una esigenza mia di purezza ed essenzialità.

Vorrei arrivare ad individuare una serie di capi che mi definiscono, da usare come base di stile, perché sento che il troppo storpia cosa comunichiamo all’esterno di noi, la nostra essenza.

 

 

Come vestirsi anni ’20🖤

Uno stile vintage anni ’20 regala immediatamente un aspetto intrigante e di forte personalità.

Gli anni ’20 sono stati un’epoca frizzante e prolifica dal punto di vista della moda, non a caso restano tra i preferiti della fashion victims e degli stilisti. È l’epoca che ha visto nascere l’astro #chanel con il suo look marinaro e le perle lunghissime. Le donne adottano tagli di capelli corti e dalle onde morbide da fare anche a casa con le mitiche forcine a beccuccio Per ricreare l’acconciatura, clicca qui, fondamentale arricchire i capelli  di accessori, piume, paillettes, fasce e mollette esuberanti. Gli abiti sono quelli stile charleston, il ballo che detta legge,  a sottoveste e con il punto vita abbassato in modo che le donne possano muoversi sinuose, i cappelli sono à cloche, minimal, il make il prevede pelle perfetta, bocca a cuore con rossetto rosso ed occhi in primo piano, evidenziati da mascara e matita in abbondanza.

E allora cosa aspettiamo a stupire tutti in una calda sera d’estate? Let’s go!