5 trucchi per un look hipster 😊

Questo look ricercato e sofisticato compare negli Stati Uniti negli anni ’40, indossato dagli amanti del jazz e del bepop, contribuendo in modo sostanziale a creare la loro allure chic e talentuoso-misteriosa.

5 capi che DOVETE indossare per essere hipster:

1. pantaloni con vita alta.

2. Pantaloni second-skin con risvoltini alla caviglia.

3. Camicie naïf e con un tocco di antiquato vintage.

4. Ai piedi: mocassini o stringate.

5. Accessori a metà tra il nerd ed il vintage.

Uno stile che, a mio avviso, si innesta su quello #hipster ed in un certo senso lo compensa e completa con un tocco di sensualità è quello da pin-up ovvero burlesque.

Gli abiti sono à pois o fatti con stampa vichy, in ogni caso di foggia anni ’40-’50: gonna a ruota strizzata in vita ed allacciatura all’americana.

Correte a saccheggiare l’armadio della nonna per una serata burlesque ed #hipster.

Leggi tutto “5 trucchi per un look hipster 😊”

Look grunge chic.

Qui lo dico e non lo nego: mi piace molto.

Chi mi segue lo sa che #kurt per me è un Peter Pan eterno e geniale nella sua fragilità. E Kurt è la quintessenza del grunge: uno stile finto trasandato è finto povero, in realtà estremamente costruito e con capi anche esosi: jeans skinny e logori, camicie Tartan aperte sulle t-shirt oversize, anfibi o Caterpillar, maglioni usati ed abbondanti.

Attualmente musa del genere è #caradelavigne, ma anche #kaiagerber se la cava egregiamente.

Nota di merito: gli occhiali da sole di Kurt. Semplici ed irriverenti.

A mio avviso un look da weekend e che rende più giovani e rock.

Il disagio di perdonarsi

In giorni come questo mi sento terribilmente corresponsabile di aver permesso a una merda tale di entrare nella mia vita. Io che sono così vigile con le vite altrui, io che i corsi e ricorsi che sanno di circolo vizioso li proietto al multisala, sono stata distratta con la mia di vita.

Un giorno mi perdonerò.

Un Minotauro senza cuore con cui ho a che fare tutti i giorni e a cui devo lasciare i miei bambini a weekend alternati. Io, che non credo in niente, prego per loro ogni volta.

Un contenitore fallato, scartato da quelli furbi, pieno di malvagità e cattiveria. Soprattutto verso chi vede la pochezza che sei.

Nonostante tutto, sono ancora viva. ✌️

E adesso lo so: la quercia e il cipresso non crescono l’uno all’ombra dell’altro.

Il coraggio è come neve ma non si scioglie al sole ed è una cosa che si impara.

Se la cattiveria ti fissa, tu guarda da un’altra parte.

 

Houston, mi arrangio?

Cose senza senso fatte da me, edizione vintage 3.0.

Il 10 Novembre passato mi siedo inavvertitamente su un foglietto accartocciato sul sedile dell’auto del mio uomo. E che faccio? Mi faccio gli affari miei e ignoro la pallina di carta?

E no, io sono la prima, nonché unica, designer delle mie catastrofi: lo apro e lo esamino da stalker professionale. Si trattava della ricevuta di un parcheggio a Venezia di un giorno in cui lui non poteva e non doveva essere lì.

Innanzitutto, l’assurdo era che io non ne sapessi nulla.

E poi cosa e soprattutto con chi era nella nostra Venezia?

E ancora: dovevo dirgli della ricevuta trovata?

Dopo essere rinvenuta dal panico, lo affronto con il sangue alla testa: Cosa sei andato a fare a Venezia martedì mattina?!

La sua replica, a metà tra “CHE CAVOLO stai dicendo Arnold?” e l’attonito, mi hanno stupito ma rassicurato, per cui decido di lasciar perdere la questione. Era evidente si trattasse di un regalo per me.

Quando le Vs amiche vi chiederanno come autorovinarsi le sorprese e farsi prendere per fidanzate psicopatiche, minacciatele con questo aneddoto.

Questo per dire due cose:

– come avrete capito, ho imparato a mie spese l’arte della diffidenza e ne subisce le conseguenze lui che non c’entra nulla, ma così è.

– sempre lui capisce che io faccio solo finta, con consistente dispendio energetico, di essere normale e ha deciso di darmi lo stesso, nonostante me, l’iconica Blue Box color Pantone 1837 con dentro l’anello scelto e azzeccato da lui in un piovosissimo giorno di acqua alta, lasciando l’auto in un parcheggio a Venezia senza gettarne via la ricevuta.

Questo è il mio modo per farmi perdonare e per dire che per me la mia

Colazione da Tiffany è lui.

5 segreti rubati alla danza.

La danza è sinonimo di equilibrio dentro e fuori dal palco e da questo abbiamo solo da imparare perché tutti noi siamo su un palco: lo scenario familiare, del lavoro o dell’out of business.

Essere equilibrati è a mio avviso ingiustamente sottovalutato come obiettivo di crescita personale, ciononostante le persone che sanno chi sono e lo esprimono con tranquilla pacatezza sono preferibili a chi fa del dramma o del bipolarismo uno stile di vita.

1. La disciplina è tua amica.

I ballerini sono molto disciplinati ed abitudinari con il loro corpo. Poche e semplici abitudini avranno inaspettate ripercussioni benefiche sulla vostra vita. Nella danza lo scopo è raggiungere la perfezione nei movimenti legati alla musica e nella danza, come nella vita, questo è ottenibile solo dormendo un giusto numero di ore, mangiando bene e in modo cadenzato e prendendosi cura di sè.

2. Focus sul presente.

Niente distrazioni e/o divagazioni mentali volte al passato o al futuro.

La danza esige dai ballerini di essere nel qui e ora. Provate a ballare facendovi mille seghe mentali, non è possibile.

Prendiamo esempio.

3. Date fiducia alla vostra creatività.

Imparate ad esprimere il Vostro punto di vista unico, porterà nuove vibrazioni.

Nella danza i ballerini sono chiamati a dare la propria impronta di stile e anche noi.

4. Prima di avere successo, si fallisce.

Nessuno nasce edotto e infallibile: gli errori sono il mezzo per migliorare.

Nella danza le ripetizioni senza sosta sono il metodo; nessuno è esente da errori o cadute, si va avanti lo stesso fino ad un risultato accettabile.

5. Impara ad amministrare il tempo

Scrivi un piano che comprenda i vari steps e le pause di riposo.

Nella danza il lavoro è metodo. Adottiamo un metodo e tutto sarà intenso e regolato.

Perdersi e ritrovarsi ✔️

  • La vita che ho me la sono guadagnata. E solo io ne so il prezzo. Ho due figli sani (che è molto) e tutto sommato in equilibrio, un lavoro, una persona accanto, sotto e sopra. Eppure c’è ancora qualcosa di intentato, di sospeso in cui ho urgenza e voglia di lanciarmi. Io, che di lanciarmi ho sempre avuto paura. Nella mia vita, si è aperto uno spiraglio di insoddisfazione, che a molti sembrerà ingiustificata e da lì è entrata la luce.

Ho capito che fare mille cose dovute agli occhi degli altri mi lascia svuotata e al resto del mondo non bastano mai queste innumerevoli cose, mentre per me sono uno sforzo titanico.

Fin da bambina, mi hanno sempre fatto capire, neanche tanto velatamente, di dover rallentare per adeguarmi ad una presunta normalità; mi hanno fatto intendere che se mi fossi mostrata meno strutturata e complicata non mi avrebbero giudicata strana. E sarei rimasta sulla retta via dell’essere una brava bambina.

Da grande ho recitato la parte della brava amica, che accorre ad ogni crisi, anche se la prima ad essere in crisi è lei però se lo dici sei strana. Ho recitato la parte della brava mamma, cui deve bastare la vita che fa. Ho fatto finta di non essere capace di andare oltre i traguardi già raggiunti e ho abbassato lo sguardo, di nuovo, per non apparire strana.

Ecco io ho avuto un’illuminazione:

sono terribilmente strana. E non è che voglia esserlo, io devo esserlo, è la mia natura e sono costretta a farlo, è una parte fondamentale di me.

Sono terribilmente imperfetta. Con la mia ipersensibilità, con la mia incapacità di sentirmi all’altezza, io che pretendo il massimo soprattutto da me stessa.

Io che voglio essere una donna e anche un uomo, avere tanti amici e la solitudine, lavorare ed impegnarmi in nuove sfide ed anche viaggiare, divertirmi ed essere egoista.

IO CHE ERO IO PRIMA DI PERDERMI.

Io mi sto ritrovando. E come?

Torno indietro, a come ero, perché ora non ho più motivo per scappare. E non guardo solo alle cose positive ma soprattutto a quelle che non mi piacciono e le affronto, senza evitarle. Non ho più motivo per scappare.

Perchè ho costruito tanto, i miei figli prima di tutto. Voglio che crescano convinti di andare già bene così come sono. Perché ho imparato a dire di no quando non ho voglia ed anche imprevedibili sì.

SONO IO. CHE ERO IO PRIMA DI PERDERMI.

E quando sono stanca di essere me, penso alle parole di Frida:

Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev’essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io.
Vorrei immaginarla, e immaginare che lei debba essere là fuori e che anche lei stia pensando a me.
Beh, spero che, se tu sei lì fuori e dovessi leggere ciò, tu sappia che sì, è vero, sono qui e sono strana proprio come te. 

Come scriveva Pasolini: vi insegneranno a non splendere e voi invece splendete. È stata la mia luce, più che le mie poche ombre, a spaventarmi e per questo l’ho cacciata indietro.

Non spegnete la vostra luce, lasciatela splendere anche se è una luce strana, che non tutti capiscono.

 

C’era una volta la mamma ed i biscotti ®

Al momento e per due giorni sono in una incredibile villa in Brianza per conto dell’azienda per cui lavoro. E no non per la #mfw, ma poco importa.

Rifletto su quanto si sia evoluto il ruolo di mamma sorridendo e guardando intorno a me donne di colori diversi videochiamare i loro cuccioli parlando in tutte le lingue del mondo. Queste donne sono con me in un contesto di lusso caloroso e non a casa in pigiama e struccate.

Senza nulla togliere e senza giudicare le donne che scelgono di stare a casa per accudire la prole, io mi sento in pace col mondo vedendo che anche gli uomini possono fare la loro parte ed anche le donne possono continuare una vita extra mura domestiche, a maggior ragione dopo i figli.

Una vita fatta di lavoro, di dialoghi tra adulti sugli argomenti di cui parlano gli adulti, di viaggi e di silenzi. I silenzi after figli sono balsamo curativo effetto Pantene sui capelli della Ferragni.

Eppure, nonostante questa delle donne e mamme vitali lavoratrici sia un dato reale è tangibile, mi è capitato di assistere ad una serata dedicata alla figura della mamma in ambito scolastico in cui i bambini intervistati a turno su cosa facevano quotidianamente con la loro mamma hanno rimandato una immagine di mamma e donna stile anni ’50, tutta dedita a forno e bambini.

Il mio piccolo supereroe è stato il solo a ritenere degno di nota il mio lavoro 😳, uscendo dalla litania dei vari: amo la mia mamma perché quando siamo insieme facciamo i biscotti (?).. Tutti i giorni, 7/7?

Se c’è un concetto che mi premerebbe instillare in queste menti paffute stile iniezione intramuscolo è che non devono mentire sulla imperfezione delle loro mamme all’esterno della famiglia. Perché io le mamme di questi bambini le conosco e non fanno le fornaie tutto il giorno. Sono appassionate, alcune con attività autonome, ironiche nel loro rapporto con i figli e piene di vita. Sono molto di più del ritratto stereotipato che i figli hanno riferito. Evidentemente si sono sentiti in dovere di farlo o questo è quello che hanno rintracciato nei loro pensieri emozionati.

Sono felice di vedere il rispetto dei miei figli per il mio lavoro, che li mantiene. E più tardi li videochiamerò anche io per mostrare loro l’incanto del posto in cui ho la fortuna di stare per imparare cose nuove. Sono felice siano consapevoli dell’importanza del mio lavoro per la nostra famigliola.

E i biscotti li faremo nel weekend 😜.

I 10 segreti della Beauty Routine Coreana 🙆🏻

Come lettura valevole come un buon proposito per il mese di Settembre, mi sono immersa in The Little Book of Skincare della beauty guru Charlotte Cho.

Le donne coreane sono considerate le bamboline d’ Oriente in virtù della loro pelle di porcellana, ottenuta grazie ad una skincare accurata in 10 steps da ripetere al risveglio e prima di tuffarci a letto.

1. Olio Struccante. Per cominciare puliamo la pelle con un detergente olioso ovvero con acqua mescolata ad olio, quale alternativa low-cost. Unico NO: l’olio di mandorle dolci, comedonico.

2. Struccante Acquoso per togliere qualsiasi rimasuglio di qualsiasi genere. L’acqua miscelare non bifasica andrà bene, a patto di risciacquarla con acqua calda.

3. Esfoliante. Un leggero scrub bisettimanale sarà perfetto.

4. Tonico. La pelle va riequilibrata.

5. Essenza

Questa è la fase più laboriosa da procurarsi in Italia e costosa. Si tratta di un ottimo prodotto ad idratazione intensiva ed ha il suo costo. In alternativa un booster adatto al nostro incarnato andrà più che bene.

6. Siero. Scelto in base alle problematiche specifiche della propria epidermide.

7. Maschera in Tessuto. Finalmente il meritato relax: Linea Tony Moly

Da fare almeno due-tre volte a settimana.

8, Contorno Occhi.

9. Crema Idratante. Usate la vostra, da integrare 1 volta a settimana con una Sleeping Mask sempre in tessuto.

10. Protettivo Solare, da applicare solo di giorno con un indice superiore a 30.

Forse per noi pigre 10 punti da seguire di prima mattina potrebbero essere eccessivi, appena sveglia, e dopo il caffè, parto dal punto 4; mentre la sera possiamo dedicare più tempo alla nostra preziosa pelle.