Come sarebbe un mondo di Dis-Armonia.

Si può parlare di colori in chiave di scelte consapevolmente disarmoniche e contro corrente.

Partiamo dal caso concreto: io sarei una castano media tendente al cenere, mi sento me stessa con i capelli neri che cozzano con una carnagione chiarissima.

E va bene così.

Con i miei colori naturali sono più armonica e senza contrasti, ma non sono io, mi percepisco in disordine e a disagio senza il colore di capelli nero che prediligo consapevolmente.

Marylin Monroe al naturale e bionda platino.

Il look da pin-up di Marylin funziona solo da bionda. Perchè?

Perché così i colori ed i contrasti utilizzati in questo tipo di immagine risaltano maggiormente. Da castana Marylin è intensa e dolce, da bionda è una bambolina bionda, che è l’immagine che voleva dare di lei o almeno quella che trainava la sua carriera.

Altro esempio: Kloe Kardashian.

L’evoluzione di Kloe Kardashian dagli inizi ad oggi.

Che dire? Kloe ha fatto scelte radicali e sicuramente ha cambiato personal trainer e parrucchiere ed è andata contro la sua natura di Donna castano Scura con carnagione chiara (Estate pura come Kate Middleton) per migrare verso una immagine di bellezza californiana con capelli finto naturalmente ondulati ed abbronzatura marcata ed esaltata da olio ed illuminante. È credibile? No, ma ottiene l’effetto di differenziarsi nettamente dalle sorelle e di guadagnare una sua propria identità. Per cui le sue scelte sono corrette dal punto di vista del suo scopo finale.

Tutto va bene in relazione al risultato che vogliamo ottenere.

Dita Von Teese: sembra un’altra persona!

Quando un personaggio ha un’immagine così iconica, si fatica molto a vederlo in altri panni. Dita von Teese è appunto un personaggio. Non sarebbe lei se tornasse al suo biondo e abbandonasse i rossetti rossi. Certo, si vede che il suo non è un look naturale, ma il fine giustifica i mezzi. Anche se i capelli sono troppo scuri ed il look è poco naturale nell’insieme, ma è assolutamente credibile e bella così!

In conclusione, incontriamo rare eccezioni in cui la personalità o il personaggio che si interpreta, sono più forti dell’armonia naturale dei colori. In questi casi non si può fare riferimento all’armocromia in modo completo, ma la propria stagione andrà rivista, la palette andrà aggiustata per adattarla ai colori meno naturali che scegliamo e che ci fanno sentire più a nostro agio.

La figlia n. 1 ad esempio, ormai adolescente, è una Autunno scuro. Detesta il colore rosso che la fa sentire strana e che, ciononostante, le sta benissimo. Abbiamo aggiustato la sua palette mettendo qualche puntino di rosso qua e là ed optando per rossi-Viola che le piacciono di più.

La palette va intonata alla personalità.

Ma se vi fate rosse, magari si consiglio del parrucchiere e vi vedete brutte; se vi guardate allo speccchio senza convinzione, se mettete i rossetti rossi ma vi sentite Moira Orfei al suo debutto al circo, se non volete stravolgere il vostro look ma volete apparire al meglio in ogni situazione, da quella formale a quella informale, allora l’armocromia è la chiave, diciamo il porto sicuro da cui partire solo dopo aver imparato a padroneggiare la vostra palette.

Indipendentemente dalle scelte sulla vostra immagine, consiglio a chiunque, perché anche Madonna ne ha bisogno e si affida ad esperti, di fare una consulenza del colore: una volta stabiliti i colori che naturalmente ci valorizzano, abbiamo le carte in mano per scegliere cosa accettiamo e cosa scegliamo di cambiare in base al nostro gusto personale ed alla nostra personalità.

Come abbinare i colori in 5 steps 🆘

Guida semplice in cinque steps per azzeccare sempre l’abbinamento di vestiti.

Abbinare i colori è una delle cose che mette più in crisi e spesso si declina il proprio outfit un unico colore dalla testa ai piedi per paura di sbagliare.

Ma, c’è un ma,

con questo metodo infallibile imparerete anche voi ad abbinare i colori!

La base per saper abbinare bene è non tanto o non solo il buon gusto quanto il saper usare il cerchio cromatico.

Il cerchio cromatico: il tuo assistente.

Tenendo il cerchio cromatico come punto di partenza, possiamo:

  • Abbinare colori Analoghi= vicini nrll’Arco Cromatico.






Chic Therapy

In questo caso particolare, oltre ad essere colori vicini, essi richiamano anche accostamenti che ritroviamo in natura: riprendere abbinamenti dalla Natura, perfetta nei suoi equilibri anche cromatici, è garanzia di successo.

  • Abbinamento Colori Analoghi King Size





Chic Therapy

Chiaramente bisogna scegliere un colore dominante, cui gli altri faranno da supporto, per ricreare un’impressione di dolce armonia.

  • Abbinamento di Colori Complementari (opposti)

Implica un livello avanzato di capacità di abbinare, per cui se non vi sentite pronti fermatevi ai primi due steps fin quando li padroneggerete bene.

Questi colori insieme si valorizzano a vicenda. Curioso sapere che, al contrario, se mescolati originano un colore grigio topo 😃:

gli opposti si attraggono ma devono restare ben distinti perché il risultato sia degno di nota.

Chic Therapy

Chic Therapy

  • Abbinamento di Colori Complementari Divergente

Consiste nello scegliere un colore e poi i due colori che si trovano, rispettivamente, a destra e a sinistra del suo complementare. L’effetto è più armonico e bilanciano lo spazio ottico con tre colori, di cui uno dominante e gli altri ausiliari.

  • Abbinamento di Tre Colori Equidistanti
Abbinamento di Colori equidistanti.

Trovo questo abbinamento fintamente complicato e di grande effetto.

Usate l’accortezza di abbinare colori con la stessa intensità (o tutti pastello o tutti brillanti) ed il gioco è fatto!

Armadio Livello PRO: Less is the new black 🕶


In questi mesi abbiamo rallentato per forza il ritmo delle nostre vite.

E quando si cambia impostazione di vita uno dei primi posti da riordinare in base alle nostre nuove priorità è l’armadio.

L’armadio e i cassetti sono spesso colmi di cose inutili. Ammettiamolo tutto insieme: usiamo il 30% di quello che teniamo lì dentro.

Sapete quante cose capisco di una persona semplicemente aprendo il suo armadio? Molte. Capisco se sa prendere decisioni, se sta vivendo un momento nostalgico-regressivo, se sta bene finanziariamente.

Quindi, occhio al vostro Armadio.

Spesso accumuliamo capi per svariate motivazioni che poco hanno a che fare con noi: regali poco centrati, vestiti acquisiti da altri o presi sull’onda di shopping compulsivo.

Via i regali inappropriati, i jeans degli Anni ’90 e le magliette di tessuti pro sudorazione eccessiva.

Via i capi inutili. Se non indossiamo qualcosa da due anni, non la indosseremo più e quindi deve sloggiare dal nostro armadio.

Avere un guardaroba minimal e dove circola aria significa dare spazio alla propria energia.

Ciò che indossi parla di te ed influisce su come ti senti.

In un cassetto sgombro dove sono riposte un numero accettabile di magliette sicuramente scegli meglio cosa indossare.

Se apri l’armadio e ci sono cataste di indumenti tra cui discernere il tuo buon umore risulterà contrastato da questa pesantezza materiale, dal fardello di doversi trascinare anno per anno questi abiti inutili.

  • Le cose che possediamo se non determinano, influiscono pesantemente su quello che siamo. Di conseguenza, il COME, ossia il procedimento con cui ci si veste, determina ciò che sei in un duplice senso:
  • Indossando cose che ci fanno sentire noi stessi e che significano qualcosa per noi il nostro atteggiamento cambia in meglio perché siamo più sicuri e questo si percepisce.

Ridurre al minimo significa focalizzare quello che veramente è importante.

Io ci ho messo un weekend a riordinare gli armadi di figlio n. 2 e n. 3, perché tra trasloco e quarantena non c’era mai stato il modo e perché in effetti non erano poi messi così male.

Il mio armadio lo rimando a quando consegneranno i mobili della camera e già so che l’impegno sarà più mentale che fisico. Lasciar andare è difficile ma necessario quando il rapporto ha dato tutto quello che poteva dare.

E non vedo l’ora di essere più minimalista che mai! 😃

La quintessenza di un armadio minimalista è ideare una divisa, anzi delle divise, a seconda delle occasioni di vita che abbiamo.

Di fatto, un guardaroba minimalista ti consentirà di risparmiare, investendo su capi di qualità.

Il punto di partenza è la definizione del proprio stile. Scegli come vuoi vestirti, che tipo di capi non vuoi più indossare, cosa vuoi invece metterti addosso.

Ora scegli i colori.

Per farlo bisogna conoscere la propria palette ma anche se stessi: se amiamo una tinta che non rientra nei nostri colori secondo l’Armocromia, è sufficiente utilizzarlo lontano dal viso.

Abbinando ai nostri colori prescelti delle gamme neutre, come nero, bianco, beige, écru, blu o grigio semplificherà la vita. Quindi ogni look per ogni ambito avrà uno o più colori tra i nostri prediletti abbinati a colori neutri.

In realtà a me piace molto accostare i colori complementari ma questo è il livello PRO della consulenza di immagine.

Riducendo il numero di capi da sistemare in Armadio avrai una visione più precisa ed organizzata della tua esteriorità.

L’ordine esteriore corrisponde a quello interiore, per cui un sano minimalismo porterà a risultati migliori senza sprechi di energie e tempo.

Avete da fare il prossimo weekend.

Sei una Donna Estate?

La Donna estate è chiara di pelle e capelli e al primo raggio di sole si procura un bel eritema.

Queste le caratteristiche dell’Estate, da non confondere con la Primavera: sempre attenzione al sottotono della pelle. La Primavera detiene il primato della luminosità, mentre l’Estate quella di un equilibrio soffuso e con una sensazione di Pastello.

La palette Estate è sicuramente elegante: colori soft e tono su tono, delicati e non in contrasto acceso, che indossati regalano

un’immagine sofisticata e sobria.

Palette Donna Estate

La donna Estate ha pelle trasparente e rosea, capelli cenere o biondi, occhi azzurri, verdi, grigi o castani ed è delicatamente chiara.

Alcune donne Estate si abbronzano facilmente anche se sono chiare e da questo deriva una notevole difficoltà ad individuarle. Per visualizzare una Donna Estate e avere un esempio concreto pensate a #katemiddleton.

Con colore pastello sta benissimo.

Le caratteristiche della Donna Estate

Nel caso di Donna Estate versus Donna Primavera, la prima sta bene con colori freddi e soft; la seconda con colori caldi e brillanti.

Una volta appurato di appartenere a questo Gruppo sarà il nostro tratto dominante a decidere se siamo Estate Scura, Pura o Soft.

Bianca Balti: Estate Scura.
Jennifer Aniston: Estate Pura, mascherata dalla perenne abbronzatura californiana.
Estate Chiara.

Colore da evitare per questa stagione: il Nero. Ne spegne il colorito e mette in risalto le imperfezioni. Quindi, almeno vicino al viso: MAI PIÙ NERO.

A livello caratteriale, la Donna Estate ha una personalità riflessiva, estremamente cauta nel prendere decisioni, mai affrettata e sempre particolarmente giudiziosa e meditativa, poco incline al cambiamento, riservata, discreta e poco appariscente.

La donna Estate sarebbe anche giudicata non facilmente comprensibile, un po’ ermetica, così come non è facilmente individuabile esteriormente.


Nessuno può fermare la Primavera!


L’Armocromia divide le donne in 4 Gruppi, chiamati come le 4 Stagioni, per identificarne colori amici e non.

Per me la Donna Primavera, la più rara è difficile da riconoscere, dai colori chiari e radiosi, con una pelle molto molto chiara e al massimo color pesca, si chiama Cristina. Io quando cerco o consiglio una Primavera penso a Cristina con la sua pelle di alabastro ed i capelli biondi come Barbie bionda.

Quello che contraddistingue maggiormente la Donna Primavera è questa impressione di chiarezza luminosa e di radiosità. I colori che andremo a scegliere per lei saranno quindi quelli luminosi che maggiormente la contraddistinguono.

Il colore dei capelli è quasi sempre biondo, ma non il biondo nordico freddo, bensì un biondo caldo, ramato o anche castano, sempre con riflessi caldi.

Come celebrities di riferimento troviamo Scarlett Johansson e Charlize Theron.

Scarlett in colori basici
L’idea che trasmette la Donna Primavera è LUCE.

Se appartenete a questa categoria, non dovete mai scurire troppo e soprattutto scegliete colori freddi. La parola d’ordine è “oro”.

Chi appartiene a queste Gruppo deve puntare su colori luminosi e saturi, mai scurire troppo.

Le Primavera Dark sono rosse ma un rosso acceso, alla Nicoleta Kidman, associato ad una pelle di alabastro.

MAI riflessi freddi o cenere.

MAI PIÙ’ SENZA, per dirla con #enzomiccio e #carlagozzi: riflessi dorati, ramati e color fragola. Voi che potete, fatelo!

Palette di riferimento della Donna Primavera

I colori base, a mio avviso, possono essere il cammello oppure il blu royal. Mentre i tessuti stampati, anche stampe floreali, funzionano sempre, basta che abbiano un buon contrasto.

Come scriveva #gibran: i fiori della primavera sono quelli dell’inverno, ma raccontati in un mattino luminoso. Così le donne di questo gruppo sanno di cose buone, calme e luminose.



Donna Inverno

Pelle chiara, occhi magnetici, bellezza che gioca sui contrasti e, sapendola valorizzare, di sicuro effetto: la donna Inverno, secondo l’ Armocromia , prende in prestito i suoi colori dalla stagione cui appartiene, con contrasti decisi tra paesaggi freddi, cieli brillanti e notti buie.

La caratteristica principale della donna Inverno è il sottotono molto freddo della pelle che solitamente è molto chiara e delicata, con note di fondo fredde e bluastre. Guardate in particolare l’interno dei vostri polsi per verificare: se le vene appaiono blu/verdi appartenete di certo a questa stagione.

La pelle della donna Inverno necessita, inoltre, di essere curata in modo maniacale perché sottoposta a stress fisico ed emotivi. In caso contrario, lo specchio potrebbe riflettere un colorito eccessivamente spento.

Fondamentale, di conseguenza, la routine di cura della pelle e la scelta del fondotinta.

La Donna Inverno è quella che meglio di ogni altra riesce ad indossare con grande eleganza il colore nero (poi un giorno vi faccio vedere la mia collezione di Little Black Dress per credere 🖤).

I capelli della donna Inverno sono scuri: dai toni freddi del castano, del castano scuro fino al nero, ma non mancano le tonalità platinate di biondo cenere o biondo chiarissimo (solitamente extra-europee, soprattutto nordiche).

Gli occhi sono generalmente il fulcro del viso della Donna Inverno: scuri o molto chiari, sui toni grigiastri e freddi del castano, del nero carbone, del blu o del verde smeraldo.

Per tutte le tipologie della Armocromia c’è un tratto distintivo che permette di collocare una donna in una Stagione piuttosto che in un’altra: per l’Inverno sono senza ombra di dubbio gli occhi: devono essere catalizzatori di attenzione.


Con tutte queste variabili cromatiche, è naturale dividere la Stagione Inverno in 4 sottogruppi:

  • “Pure Winter”
    Si tratta della manifestazione più pura dei colori invernali in contrasto: la donna Inverno Puro presenta solitamente una pelle molto chiara, capelli scuri o scurissimi ed occhi dal colore molto brillante, saturo e dall’intenso contrasto. I suoi colori ideali sono, dunque, freddi e molto brillanti ed accesi.
  • Inverno Chiaro (“Tinted Winter”)
    La donna Inverno Chiaro ha una pelle chiara, capelli non troppo scuri ed occhi dalla tonalità luminosa e non troppo contrastanti. E’ la donna che rappresenta gli scenari più bianchi e ghiacciati della stagione invernale. I suoi colori sono leggermente più soft: i colori dell’Inverno Puro mescolati con un pizzico di luminoso bianco.
  • Inverno Medio (“Toned Winter”)
    La caratteristica della donna Inverno Medio è quella di un tocco più delicato color pastello nei suoi colori naturali, meno brillanti ed in contrasto rispetto a quelli della donna Inverno Puro. I colori ideali della donna Inverno Medio sono le tinte pastello: i colori dell’inverno mescolati con una punta di grigio perla.
  • Inverno Scuro (“Shaded Winter”)
    La donna Inverno Scuro è la più dark, quella che riassume sulla sua pelle e sul suo viso le tonalità più profonde del freddo e scuro inverno. La pelle del volto, chiara oppure olivastra dal sottotono freddo e bluastro, è incorniciata da una chioma bruna o nera come il carbone, con occhi scuri e scurissimi. I suoi colori perfetti sono quelli più cupi e brillanti.

LA PALETTE DI COLORI PERFETTA


I colori più adatti a valorizzare la bellezza contrastante della donna Inverno sono quelli freddi, scuri, brillanti e profondi, come il blu scuro, il blu elettrico, il verde brillante, il fucsia, il bordeaux ed il rosso fuoco, il giallo ma solo limone, il nero, il grigio scuro, il viola, l’indaco ed i colori brillanti delle pietre preziose, così come i colori più ghiacciati come il bianco candido.

Palette Donna Inverno

Per intenderci a livello più immediato, le celebrities che appartengono a questa stagione comprendono Liv Tyler ma anche Lucy Liu.

La Donna Inverno è scura come la Donna Autunno, ma a differenziarle è il sottotono della pelle: tanto freddo per l’una, quanto caldo per l’altra.

Le varie declinazioni della Donna Inverno.

IL FUORI RIFLETTE IL DENTRO

I colori stagionali della bellezza femminile riflettono inevitabilmente le sue caratteristiche interiori.

Alcuni antichi studi, infatti, pongono in stretta relazione le caratteristiche fisiche di ogni individuo con quelle della sua personalità. La Donna Inverno sarebbe associata ad un temperamento malinconico, indice di una personalità introspettiva, perfezionista, profonda e sensibile. La donna Inverno affronterebbe ogni situazione in modo attento e ben organizzato, pianificando tutto come se fosse la prestazione ad una maratona con una certa pesantezza ancheo e si aspetterebbe dagli altri la medesima attenzione, cosa che non avviene mai (nota autobiografica).

La donna Inverno sarebbe anche molto solida, trasparente e portata ai ruoli di leadership e responsabilità, ma sempre riservata ed un po’ solitaria, spesso immersa nel suo mondo.

Cos’è l’Armocromia

Molte, in tutta onestà non ho ancora sentito un uomo parlarne, parlano di Armocromia, ma, a giudicare da quello che vedo in giro, ben poche hanno capito di cosa si tratta e come utilizzarla.

Partiamo dal significato, ovvero dalla etimologia, dei termini che la compongono: Armonia e Chromos, Colore. Quindi significa:

Armonia del Colore.

Johannes Itten fu il primo ad intuire che c’era una correlazione tra uso del Colore e palette cromatica naturale di un individuo, verificando empiricamente le sue intuizioni sugli allievi della Bauhaus. e uno dei primi a sperimentare le reazioni dei colori sui singoli individui tramite esperimenti con i suoi allievi.

Oggi le sue teorie sono sorpassate ed inesatte, anche perché sperimentare su un gruppo ristretto di persone già portate, in quanto studenti di Architettura di una delle migliori scuole svizzere, ad una maggiore sensibilità estetica, è poco realistico.

Se tutti propendessero naturalmente e spontaneamente per i colori che donano loro il lavoro di image maker sarebbe inutile.

Ebbe ad ogni modo il merito di accendere l’iniziale scintilla intuitiva, si rese inoltre conto che i colori delle persone rappresentavano in parte alcuni dei colori delle quattro stagioni.

Temperatura e Valore in Armocromia.

Le sue teorie si basavano su due proprietà del colore:

Temperatura (colori caldi/freddi) e Valore o Profondità (colori chiari/scuri), ottenuta aggiungendo rispettivamente bianco o nero.

Questo primo bocciolo di analisi cromatica, seppur incompleto e impreciso, servì negli anni ’40 a Suzanne Caygill per sviluppare il primo sistema di Analisi del colore che ritroviamo nel suo libro:

COLOR, THE ESSENCE OF YOU.

Mrs Caugill sostanzialmente fa cospicuo riferimento ai colori della natura ed alle combinazioni cromatiche naturali, da cui tutto deve provenire e prendere ispirazione.

Fu, però, Carole Jackson, negli insospettabili anni ’80, che di armonico avevano ben poco, almeno in Italia, a semplificare il metodo e a renderlo popolare con il metodo COLOR ME BEAUTIFUL, grazie a cui ognuno poteva avere i suoi 30 colori del cuore in formato tascabile, per averli sempre con sé durante lo shopping, che spopolò in America.

In sintesi, siamo partiti da

COLOR,

Per passare da COLOR ME ed arrivare a COLOR ME BEAUTIFUL.

Ma il viaggio continua verso COLOR ME BEAUTIFUL e LOOKING THE BEST , con il metodo delle 4 stagioni ripreso da Mary Spillane e Christine Sherlock negli anni ’90, le quali ottengono 12 sottogruppi nelle varie stagioni con l’inserimento della proprietà del Croma tramite la teoria di Munsell.

Fu solo poi nell’ultimissimo periodo che l’armocromista americana Youakim Ferial portò i sottogruppi da 12 a 16.

L’ ARMOCROMIA E’ UNA DISCIPLINA

L’ Armocrmomia si basa sulla scienza, utilizzando alcune proprietà del colore.

In pratica si vanno a definire quali colori siano più idonei al nostro incarnato di pelle (in quanto si armonizzano meglio con i nostri colori naturali) tramite la reazione degli stessi sulla nostra pelle. Il metodo utilizzato viene chiamato DRAPING, perché utilizza drappi di colore. Le proprietà del Colore che vengono studiate sul nostro incarnato sono: sottotono, valore, Croma.

Il pregio della Armocromia è di esaltare il nostro incarnato, minimizzando le imperfezioni ed esaltando colore di occhi e make up.

Il significato della Teoria del Colore nell’epoca delle apparenze si deduce già dal fatto che quando si dà un giudizio immediato su una persona, la cosiddetta prima impressione, in 90 secondi l’80% del giudizio si basa sul Colore.

È per questo che è importante conoscere la propria palette di riferimento: è inutile spendere tanto in vestiti, Colore di capelli ed accessori che indossati da un’altra persona sarebbero strepitosi ma su di noi hanno poco o addirittura contrario effetto.

Metterlo in pratica non è così facile, quindi nel caso si voglia migliorare il proprio aspetto è meglio non rivolgersi al cugggino per avere una consulenza gratis, ma cercare un professionista che ci faccia sentire a nostro agio. Come nel caso del dentista, del ginecologo o del parrucchiere è meglio spendere una volta per tutte piuttosto che spendere a caso ed a sproposito.

The World of Women 1925


Palettes Cromatiche per le Quattro Stagioni.


Evoluzione di un’icona: Alessia Marcuzzi. 💃🏻

Super bionda, sempre sorridente e fashion icon per eccellenza. Alessia Marcuzzi nel 2019 si è rivelata una pazzesca anticipatrice di tendenze, regalandoci una serie di abbinamenti e capi che sono divenuti un must have immediatamente.

Alessia ama mescolare, ossia il mix&match, pezzi capi griffati con pezzi low cost, di certo non meno belli per il loro costo inferiore.

Dal suo album dei ricordi, ci rende partecipe di una fotografia che la ritrae, bambina, con i capelli al naturale e già bellissima.

@ig: Anche la Marcuzzi ha passato l’incubo della frangia trapezoidale!

Nel corso della sua carriera, abbiamo potuto ammirare il suo gusto frizzantino, che ha potuto fare affidamento su un fisico da urlo.

Ma è nel corso del 2019 che Alessia si conferma una trendsetter purosangue.

Il look dei look del 2019 sfoggiato da Alessia Marcuzzi è con le sneakers viola, un paio di Vans Old School, abbinate alla borsa dello stesso viola. Un look semplicemente pazzesco che ha fatto tornare di moda l’abbinamento borsa+ scarpe, da tempo snobbato, decretandola la combinazione più fashion dello street style.

Vans viola con borsa viola.


E che dire dell’abito scamiciato in lino a righine bianche e blu che ha dettato le tendenze della moda Estate? L’abito passe-partout dell’estate facilisissimo da abbinare a un paio di sandali flat da sfoggiare al mare, ma anche in città. Un capo che potremo riproporre ad ogni estate in quanto senza tempo: le righe sono le righe e il blu è il blu, non si sbaglia.

Abito estivo a righe blu.


Uno degli abiti piu sexy proposto dallo show girl è questo mini vestito di lana, un mini dress a costine abbinato a degli strepitosi stivali cuissardes fin sopra al ginocchio e tacco alto di color cuoio verniciato. Una mise semplicemente pazzesca nella sua essenzialità.

Notare le spalline che riprendono le linee degli stivali 💛 Chapeau!



E poi Alessia Marcuzzi ci ha mostrato le scarpe più di tendenza dell’Estate 2019: le sneakers bianche, onnipresenti, si abbinano a jeans chiari, shorts e anche vestitini. Alessia Marcuzzi le ha indossate nel suo viaggio in California sul Sunset Boulevard facendole tornare subito di grande tendenza.

Belle e comode! Sante sneakers!


Una tendenza del tutto nuova lanciata da Alessia Marcuzzi è stata quella di abbinare i collant in pizzo con le décolletées.

Un paio di décolltées giallo fluo firmate Versace e delle collant in pizzo per uno dei look più incredibili sfoggiati durante una puntata de Le Iene e che nessuno dimenticherà.

Le sue gambe sono lunghe quanto me.


Indimenticabile il vestito corto a fantasia floreale, una creazione dello stilista Giambattista Valli per H&M che ha portato una ventata di primavera nelle nostre giornate autunnali. Un abito a dir poco stupendo da indossare sotto un caldo cappotto, la punta di diamante della capsule collection di Giambattista Valli per H&M.

Alessia Marcuzzi adora i jeans e con questo modello di Zara ce ne he regalati un paio imperdibili abbinati a un paio di décolletées di Jimmy Choo. Che cosa dicevamo dello stile mix&match? Un paio di jeans da urlo a vita alta con pince sul davanti che è andato letteralmente a ruba risollevando una serie infinita di nostri outfit autunnali.


La camicia più in voga dell’Estate 2019 è stata la camicia a fiori che ha indossato Alessia Marcuzzi in perfetta chiave casual chic. Una camicia facilissima da abbinare con tutto, jeans strappati, vestiti lunghi e shorts con sneakers ai piedi. Un capo furbissimo e super cool che ci ha tenuto compagnia tutta l’estate.

Imperdibile il pantalone cargo militare indossato con top di seta rosa e trench beige per un look casual chic in perfetto stile mix&match. Un paio di pantaloni che sono diventati tendenza moda Primavera Estate 2019 da avere nell’armadio e da declinare in diverse varianti. Quella di Alessia Marcuzzi è senza dubbio la combinazione più bella.


Che dire poi della gonna midi con piccolo spazio che la conduttrice ha indossato per una puntata della trasmissione Le Iene. Una gonna a tubino in pelle a vita alta beige che le sta semplicemente divinamente abbinata a un paio di décolletées nere e un cardigan a righe orizzontali. Un outfit firmato Alberta Ferretti che più bello non si può.

Alessia si conferma, quindi, icona di stile offrendo spunti e idee a quelle che hanno i suoi stessi colori ma anche, adattando la palette al proprio gruppo di appartenenza secondo l’Armocromia, alle altre per un look frizzante e gioioso come lei.