Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Mar 8, 2018 in blogger, Kit di Sopravvivenza, Pensieri Sparsi, Real Life | 0 comments

Le donne devono vivere felici ❤️

Le donne devono vivere felici ❤️

Ho aspettato per scrivere questo post perché non volevo piangere.

L’8 Marzo per me è una giornata lunga, sofferta ed io non so mai cosa dire quando mi fanno gli auguri per essere nata femmina.

Gli auguri per essere una che, a parità di ruolo e facendosi il doppio del mazzo, guadagnerà meno di un uomo?

Gli auguri per essere una che rimarrà fuori da incarichi di prestigio e ruoli importanti e che, se ci arriverà, sospetteranno sia la conseguenza di un rapporto sessuale con l’uomo che decide?

La violenza domestica è un red carpet?

Essere chiamata ‘ cagna’ è carino?

La donna ANCORA OGGI è trascinata in quanto femmina in una scia di morte e violenze. Il #25novembre è la nostra giornata internazionale perché moriamo in quanto femmine.

Io non ho festeggiato l#8marzo tra strip-tease e paillettes ma rispetto la libertà di chi vuole farlo. La mia libertà finisce dove inizia la vostra.

La mimosa è un simbolo sovversivo scelto nel vicino 1946 da Teresa Mattei, Teresa Noce e Rita Montagnara perché fiorisce in questo periodo. Esporla era un reato punibile con l’arresto.

LE DONNE DEVONO PORTARE LA MIMOSA.

Ieri ho visto uomini correre trafelati in fioreria a comprare mazzetti di mimose. GLI UOMINI.

L’ 8 Marzo è una giornata in cui gli uomini non devono fare nulla, in cui non dobbiamo aspettarci dagli uomini nessuna gentilezza imposta. È come se nel giorno della Memoria facessimo gli auguri agli ebrei.

Confido che a breve le donne si riapproprino del vero significato di questa Giornata, che nel migliore dei mondi possibili non avrebbe motivo di esistere.

Abbiamo votato la prima volta nel 1946.

Fino al 1981, in Italia, io avevo 5 anni, era ancora in vigore il matrimonio riparatore con il proprio stupratore.

Lo stupro è stato riconosciuto come reato alla persona nel 1996, io avevo 20 anni.

E cosa dire della Legge 194 sull’Aborto? Che aggiunge altro dolore ad una scelta atroce. Perché DEVI FARE FIGLI. Anche quando non vuoi. Anche con chi non vuoi. Altrimenti sei un’ingrata anormale.

Siamo FEMMINE, la nostra vita ci appartiene e dobbiamo vivere come siamo felici.

Siamo ribelli, forti e rivoluzionarie.

Puttane e non. Casalinghe e consulenti. Madri, figlie e compagne di vita.

Siamo tutto e auguro il meglio per noi ogni giorno.

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *