Perché indossare la giacca di pelle.

Musica e Moda sono le gemelle Kessler del mio ❤️.

Musica e Moda sono per me un ristoro, sono la Chic Therapy per curare ferite e delusioni, un rifugio da chiamare casa.

(GERMANY OUT) Kessler, Alice und Ellen ‘Kessler-Zwillinge’ *20.08.1936- Taenzerinnen, Schauspielerinnen, Saengerinnen, D – bei einer Tanzprobe – 1957 (Photo by ullstein bild/ullstein bild via Getty Images)

Nel mio universo chi prende sotto gamba Musica e Moda non può entrare: la musica e la moda necessitano e loro contraccambiano!

Stavo proprio pensando all’incontro tra questi due oceani meravigliosi e misteriosi, quando di fronte agli occhi si è materializzata L’epifania di una Audrey Hepburn tutta chic&pepe, che indossa il chiodo.

Audrey Hepburn in giacca di pelle.

Il chiodo (ha questo nome solo in italiano, per l’abitudine dei punk di portare un chiodo in tasca) era un NO detto al mondo: da Audrey Hepburn a Marlon Brando, da Sid Vicious ai Metallica, la giacca di pelle è un modo per dire: Fuck You!

Ma è così ancora oggi?

Non ho resistito e l’ho chiesto a Figlia n. 1, metà adolescente e metà unicorno, che ha risposto:

Volevo un giubbotto che stesse bene con tutto e, quindi, ho preso questo.

Figlia n. 1

In estrema sintesi, il giubbotto di pelle è tornato ma da spettatore muto. Un manifesto vuoto. Un capo di abbigliamento come un altro per coprirsi in modo dignitoso.

E No!

Il chiodo va indossato con un minimo di consapevolezza perché il chiodo è come il Rock: improvviso, ribelle e fautore di piccoli passi evolutivi che portino da fashion victims ed essere eroi delle tendenze, delle stagioni e di una cultura che mescola vizi e virtù.

Il giubbotto di pelle è solo nero!

La giacca di pelle non è tanto o solo moda ma anche musica, cinema, mito, sesso, droga e Rock&Roll, fantasia al potere e l’impossibile della porta accanto.

La signora Amal in giacca di pelle.
Le gambe di Elodie in giacca di pelle.

Autore: Stefy

Ciao, sono Stefy e scrivo per evitare di ammorbare il prossimo con mille storie e consigli e suggerimenti. Che dire? Amo vivere in profondità lo stile e l’immagine perché quello che è fuori è dentro e quello che è dentro è fuori. Questo il difficile, altrimenti sarebbero capaci tutti ad abbinare quattro colori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *