Come diventare Audrey Hepburn

Aprite l’armadio e vediamo se si riescono a creare combinazioni alla Audrey.

Se volete appropriarvi di uno stile senza tempo e sempre appropriato: questo è il modo!

Dal mini abito rosa scelto per il matrimonio agli abiti più bucolici scelti dopo il ritiro nella sua casa Svizzera “ La Paisible “, al tubino nero di Givenchy che io uso come capo base da accessoriare in base all’occasione per determinarne la maggiore o minore formalità.

Primo Look: L’abito rosa del matrimonio di Audrey è perfettamente sostituibile dalla versione di #valentino in crêpe rosa pastello di lana e seta.

Mini abito rosa minimale e chic.

A completare il look ballerine bianche e collant bianco (non color gesso, please), reperibile anche da #Calzedonia.

Ballerine bianche by Jimy Choo.

La seconda proposta per avvicinarsi allo stile Audrey è l’abito bucolico. Perfetto per una gita in The Countryside.

Collezione P/E Bianca Balti

Arricchitelo con gioielli di pregio a contrasto e vi prego evitiamo di rovinare l’insieme con improbabili borse di paglia.

La paglia SOLO in spiaggia. #io

Per finire, il tubino nero.

Il signore dello stile. Il pezzo dei pezzi.

Il tubino nero by Givenchy.

Naturalmente il tubino soddisfa tutte le tasche e le preferenze in fatto di tessuti, per cui farete presto a scegliere il tubino che fa per voi.

Come sempre, la fase degli accessori è fondamentale: in base al tono più o meno alto e formale o allegro e scanzonato che si vuole dare all’outfit e a se stessi, andremo a scegliere scarpe e borsa consoni.

Da ogni persona che incontriamo possiamo imparare, da Audrey Hepburn possiamo imparare tanto sia a livello di stile che di portamento che di personalità.

Come mettere d’accordo bikini e dolci.

Pensate che bikini e dolci siano due strade parallele che non si incontrano mai?

Ne siete certi?

Nei favolosi Anni ‘50, Brigitte Bardot smentisce questa presunta verità assoluta incontrando e mangiando a tutte le ore il dolce più sensuale di Francia: la Tarte Tropezienne.
La Tarte Tropezienne, che allora era talmente nuova da non avere neanche un nome, si distingue e diventa il dolce identitaria della Costa Azzurra. Al contrario della Sachet Torte, timida e riservata, con la marmellata di albicocche nascosta al suo interno, la Tarte Tropezienne è sfacciatamente golosa e sensuale.

La Tarte Tropezienne in tutta la sua golosità.

La leggenda narra che il pasticciere slavo, Alexander Micka, giunto a Saint-Tropez nel 1955, preparava in una minuscola boulangerie-patisserie appena avviata, con passione il dolce la cui ricetta gli era stata tramandata da sua nonna.

Una brioche ripiena di due creme e ricoperta di zucchero.

Non lontano dai profumi di questa patisserie, Roger Vadim, regista francese di origini russe, arriva per girare il film “ E Dio creò la donna”, con cui lancia la moglie, #brigittebardot.

Brigitte è una dea con un ombelico che parla da solo e che offre agli occhi del mondo nella prima scena di cinema in esterno giorno dove si mostra un due pezzi.

La leggenda narra che la dea immanente della pancia piatta si innamori della Tarte Tropezienne, tanto da non volerne mai restare senza.

Brigitte: Datemi la mia Tarte Tropezienne!

La Tarte Tropezienne e B.B. si assomigliano: zucchero su zucchero.

La Tarte strasborda di crema, è come il bikini trabocca di Brigitte.
Il dolce identificativo della Costa Azzurra è una stella bionda, caotica ed esuberante. 

Il bikini è la simbolica ciliegina sulla Tarte Tropezienne.

Brigitte Bardot mangia tonnellate del dolce cui lei stessa darà il nome di Tarte Tropezienne e conquista le masse con il suo bikini.

Scacco matto alla morale bigotta Anni ‘50 dal suo erotismo fresco e sfacciato.

La torta di Saint-Tropez ed il bikini celebrano una sensualità nuova ed indulgente, che attrae ricoprendosi di zucchero.

Brigitte Bardot, con la sicurezza dei suoi vent’anni, compie una vera e propria Rivoluzione Copernicana, grazie a cui la donna gode del suo corpo e della sua Tarte de Saint-Tropez in un impeto di felicità da polisaccaride.

Per concludere, la Brigitte Bardot Philosophy è tuttora attuale: uno stile ottenuto senza sforza né struttura e mangiando tonnellate di un dolce che farebbe perdere fascino a chiunque, tranne che alla Dea del Bikini.

Da allora la boulangerie di Alexandre possiede un brevetto e rifornisce con il suo celeberrimo dolce i palati più esigenti di Francia, mentre il bikini è ovunque.

E come direbbe B.B.:

Se non hanno fantasia che mangino brioche e indossino tanga.

10 frasi salvagente 👙

Le parole sono importanti e belle e creano mondi imprevisti.

Da sempre, chi mi conosce bene lo sa, tengo una rubrica con le frasi che mi colpiscono e che leggo o mi capita di sentire nei posti più disparati:

il mio Guggenheim delle parole.

Quando necessito di una calibratura, lo leggo e mi metto questo balsamo riparatore sulle doppie punte del cuore.

Data l’incertezza di questi giorni, ho deciso di condividere con voi le mie preferite:

  • Io sono l’albero dalle radici ben radicate, dalla forza secolare e stabile.
Un albero bellissimo visto mentre correvo.
  • La pace del perdono, non nella accezione cattolica del termine: il perdono della consapevolezza. Si raggiunge dopo esserti arrampicato su te stesso e sugli altri. È l’atto d’amore più assoluto.
  • L’Amore è responsabilità, sennò non è Amore.
  • Bisogna avere coraggio e prendersi i rischi.
Scegliere con coraggio.
  • L’unico modo per sconfiggere il dolore è immergercisi, come in una vasca, ed attraversarlo.
  • La forma più alta di conoscenza è l’Empatia.
  • La natura toglie e dà, senza etica. Tutto scorre ed il fiore nato dove non doveva magari sei tu.
In tempi di stare a casa, viaggiamo in modo alternativo.
  • L’onestà ripaga sempre. Sii sempre riconoscente verso chi ti ha aiutato quando nessuno lo faceva ma bussa alle porte per farti aprire.
  • Fuck Normal Life!!
  • Mandiamoli a cagare i bulli ed i vittimasti, gli indignati di mestiere ed i fondamentalisti.
La Nike di Samotracia. La mia preferita.

Il buon gusto del cattivo gusto: ⭐️

La sempre cara mi fu quest’ermo colle, Coco Chanel ha sostenuto fino alla morte la sua convinzione del Meno è Meglio, invitando a fare questo gioco prima di uscire: guardarsi allo specchio e togliere ancora una cosa.


Si tratta della sottile Arte della Sottrazione.

Qui dentro si poteva entrare sovraccarichi solo di perle. La porta della dimora di Coco al Ritz Paris, dove visse per 34 anni.

Non tutti siamo uguali, però, e la moda è un grande gioco che permette a tutti di esprimersi e di essere a posto con ciò che si è.

Io

Accanto a chi ama l’essenzialità e la sottrazione, troviamo gli amanti del di più, del troppo, dell’Addizione e della stratificazione.

C’è un mio caro amico, siciliano di nascita e nomade italico per necessità, che pratica questo stile da sempre e con successo. Nel senso che lui è così e risulta autentico nei panni che ha scelto di abbinare e vestire. Abbina con disinvoltura tweed e fucsia, occhiali appariscenti e coppola sicula, pantaloni gialli larghi e blazer da ufficio.

Uno stile decisamente sopra le righe. Come è lui.

Sul piano collettivo, un esempio calzante di quello di cui si discorre è #irisapfel. Il suo motto è More is More and Less is Bore, ovvero Più è più e meno è noioso.

La sua immagine risulta sempre carica di mix audaci e di stampe sovrapposte e mescolate ed iperaccessoriata. C’è chi approva e chi meno ma per chi ama spingersi ai confini del mondo e di sé è un valido esercizio, quello di sovvertire le regole, almeno qualche volta, e mandare a riposo le regole sui colori da abbinare e il bon ton.

I ricconi non vestono così bene come quelli che si devono dare da fare, come chi deve mettere a frutto la propria inventiva. Parola di Iris.

L’importante è essere autentici perché limitarsi a comprare ed abbinare lo sanno fare tutti e, con un po’ di pratica o lasciandosi consigliare, riesce a tutti ma raccontarsi e piacersi e farsi vedere per quello che si è, quella è un’altra storia che implica consapevolezza e maestria e leggiadria.

E voi come siete? Perfettini o stravaganti? Bon ton o vi piace mixare?

Love is Rock ❤️

L’Amore che muove il Sole e le altre Stelle, anche quelle del Rock.

È da poco passato San Valentino ed il #mood della settimana è il cuore con tutti i suoi misteri.

La storia della musica rock si presenta ricca di coppie più o meno glamour, spesso all’insegna di un eccessivamente realistico “ finché morte non ci separi” , coppie che dividono: favorevoli o contrari, coppie che scoppiano e che, in ogni caso, fanno sognare.


La musica c’è sempre quando si ha bisogno di lei.

La musica è anche Chic Therapy.

Per onorare musica ed amore, ho scelto le cinque coppie Rock che mi piacciono di più e tralasciando volontariamente Kurt e Courtney perché lei lo ha ucciso ed è una coppia che navigava solo nel disagio, cominciamo con la carrellata di mitiche coppie del rock.

  • Joan Baez e Bob Dylan.

Entrambi hanno attinto dall’altro per colmare le proprie lacune e diventare persone migliori. Sebbene si siano allontanati perché la celebrità di Bob logorò Joan Baez a tal punto che stentava a riconoscersi, hanno saputo trasformare l’amore in stima e sono, ancora oggi, una delle più importanti coppie nella storia del Rock.

Joan Baez e Bob Dylan
  •  Jimi Hendrix e Kathy Etchingham

La rockstar e la parrucchiera.

Hendrix&Etchingam in Love.

La favola della ragazza di provincia che conquista Jimi Hendrix al suo primo giorno a Londra. Kathy che lo introduce alla favolosa vita londinese.
Dopo aver cambiato varie case in affitto, una con locatario Ringo Starr, a causa del rumore con cui Hendrix disturbava i vicini o forse per il colore della pelle del chitarrista, finalmente la coppia trova un nido appartato a Mayfair, al numero 23 di Brook Street, casa dove Hendrix può essere se stesso. Brook Street diviene il suo rifugio, che arreda lui stesso, una casa pulita, piccola, antitesi di quell’idea di anormalità associata alla vita del più grande chitarrista di tutti i tempi. La casa con Kathy e Kathy sono il suo porto sicuro. La loro storia durerà tre anni, non all’insegna della fedeltà ma la coppia regge fin quando diventano amici.
Il solo rimpianto di Kathy?
Averlo lasciato solo l’ultimo giorno della sua vita al Samarkand Hotel, dove aveva promesso di raggiungerlo.

Jimi&Kathy


  • June Carter e Johnny Cash. Loro non sono stati soltanto due pilastri della musica americana o una coppia da film, messa in scena per esempio in Walk the line da Joaquin Phoenix e Reese Whiterspoon, ma l’incarnazione di un amore divorante e reale, un fuoco, come descritto nella loro canzone “ Ring The Fire”, perché vissuto tra le luci del palcoscenico ed i lati più oscuri delle debolezze umane. Oltre le canzoni c’era la vita, e loro l’hanno attraversata tenendosi per mano, ferendosi, sanguinando e salvandosi a vicenda ogni giorno, fino all’ultimo. Il momento in cui June Carter, fervente e convinta cattolica di una delle famiglie più perbene degli Stati Uniti ammette a sé stessa di amare Johnny Cash, è molto simile – nel tipico modo di una canzone d’amore country – al quello in cui Huckleberry Finn decide di aiutare lo schiavo nero Jim a scappare, anche se gli hanno insegnato che farlo è sbagliato. «E va bene» dice Huck, «andrò all’inferno».
June&Johnny

Quella fra Johnny Carter e June Carter Cash è stata la più bella storia d’amore di sempre. Per 35 anni vissero felici e contenti.

Tra panini e musica, lei gli ha salvato la vita.

Se sarò davvero io la prima ad andar via,
e, chissà come, mi sento che sarà così,
quando sarà il tuo turno non sentirti perso
perché sarò io la prima persona che vedrai.

Così, senza aprire gli occhi, aspetterò su quella spiaggia
finché non arriverai tu, e allora vedremo il paradiso.

June Carter

Lei morirà nel maggio del 2003 e lui in settembre. Come disse in apertura di quello che sapeva sarebbe stato il suo ultimo concerto: Il dolore è così forte che non si può descrivere.

Ora sono insieme al Memory Gardens di Hendersonville, Tennessee, ci sono, infatti, due lapidi, una accanto all’altra, e dietro c’è un monumento con le scritte I walk the line e Wildwood flower, le loro canzoni.
Questa è la storia di Johnny Cash e June Carter, e della loro immortalità.

June&Johnny

Come cantavano i Beatles:

All you need is Love

Beatles

And All you need is Rock.

Evoluzione e beauty look di Diletta Leotta ⭐️

Vuoi o non vuoi con Diletta Leotta bisogna farci i conti.

Volto di #dazn, la bionda presentatrice sportiva piace molto agli uomini ed anche alle donne, incuriosite dal suo stile in fatto di alimentazione e sport e dalle sue scelte sentimentali, che riempiono i siti di gossip e le bacheche social.

Diciamo che, se avete una figlia adolescente con scarsa consapevolezza dei miracoli della crescita, potete raccontarle la storia di Diletta come favola della buonanotte, producendo prove empiriche di quello che andate proclamando a gran voce:

Guarda Amore Mio di figlia 15 enne!! Un giorno mangerai una mela avvelenata e ti sveglierai così!

Se poi avete, come noi, un figlio n. 2 Aspirante Chirurgo Plastico, il gioco è fatto!! D’altronde se la scienza ci può aiutare perché essere così retrogradi?

Curioso come scettici e negazionisti spariscano di fronte a questi miracoli fondamentali per il benessere non tanto e non solo della umanità intera quanto di #instagram 😇

Cit. Me stessa.

Diletta poi, che quanto a faccia tosta non necessita ritocchini, ha tenuto a Sanremo 70 un monologo sull’importanza di invecchiare e di accettare le proprie imperfezioni.

Per concludere, siamo nel 2021 e diciamo che a me non piace farmi prendere in giro e credo che ognuna faccia del proprio corpo ciò che meglio reputi opportuno.
Per cui, con le dovute premesse, scendiamo nel dettaglio dei beauty look di Diletta Leotta:

  • La forma del corpo appare anche troppo a clessidra. Nella vita reale onestamente non ho mai incontrato persone con questa forma così pronunciata. In ogni caso Diletta Leotta la valorizza con abiti aderenti e gonne fascianti.
Onestamente cara la mia Diletta Leotta in certi casi vale l’adagio popolare: Anche un po’ meno che sei phiga lo stesso.

Praticamente mai indossa i capi oversize che a volte anche Irina Shayk sfoggia. La Diletta nazionale sceglie sempre e comunque il super fit, anche se ha il ciclo. O forse ha fatto un piccolo ritocchino anche a quello.
Però per Diletta Leotta l’aderenza è uno dei Diritti Inalienabili dell’Uomo, altro che uguaglianza!

Credits @dilettaleotta Instagram.

E voi? Cosa ne pensate?
Avete copiato il suo taglio di capelli scalato?
O il make-up con occhi allungati e rossetto rosso?
Fatemi sapere 📌, qui sotto nei commenti.

Norman Hartnell: lo stilista delle regine.


Non mi piace la semplicità; è la negazione di tutto ciò che è bello.

N. Hartnell

Questa frase è la sintesi del pensiero di Normann Hartnell, lo stilista della Casa Reale inglese.

Lo stilista dei ricami, dei dettagli, degli abiti da sera e da sposa.

Recentemente, Beatrice di York, in occasione del suo matrimonio con Edoardo Mapelli Mozzi – tenutesi lo scorso 17 luglio – ha scelto un abito vintage, creazione del couturier risalente al 1961 regalatele dalla nonna, la Regina Elisabetta II.

Beatrice di York

Elisabetta II lo aveva indossato per una cena di Stato a Roma, poi nel 1962 per l’anteprima cinematografica del film di David Lean ‘Lawrence d’Arabia’ e, infine, allo State of Parliament Opening del 1967.

Regina Elisabetta II

Il talento di Norman Hartnell si palesò da ragazzino: assisteva ai musical del West End di Londra, poi, una volta a casa, ridisegnava con gli acquerelli gli abiti ammirati sul palco. Di conseguenza, fu naturale cominciare la sua carriera come costumista – mentre studiava Lingue moderne – per il Cambridge University Footlights Dramatic Club.

Il suo talento fu notato dalla stampa e da allora il suo successo non si arrestò più.

Realizzava abiti anche per le attrici di Hollywood – come Vivien Leigh e Marlene Dietrich – e per tantissimi film, tra cui Suddenly, Last Summer(1959) nel quale vestì Katharine Hepburn.

Katharine Hepburn in Suddenly, Last Summer (1959).


Elisabetta II commissionò a lui gli abiti più importanti della sua vita: quello del matrimonio con il Duca di Edimburgo e quello dell’incoronazione. 

Elisabetta II vestita per la Sua Incoronazione.

Le sue crinoline ispirarono anche #dior, ma a causa di scelte personali e finanziarie sbagliate arrivò alla rovina finanziaria.

Si dice che ogni stilista crei immaginando di vestire una Donna Ideale.

Se per #versace, si trattava di Donatella, sua sorella, per Sir Hartmann era lui stesso nelle vesti di Miss Kitty, il suo alter ego donna. In privato, infatti, amava vestirsi con le sue favolose creazioni ed in particolare con gli abiti da Red Carpet.

E sarebbe tutto accettabile se non avesse messo a capo della propria azienda un uomo dalle dubbie capacità imprenditoriali da cui era passionalmente soggiogato.

Mai mescolare soldi e ❤️, Sir Hartmann.

Quello che lascia sono degli abiti splendidi, per grandes entrées, in cui tulle e ricami la fanno da padrone.

Sarto di tre regine britanniche.

Di duchesse e grandi attrici.

I suoi abiti fanno parte della storia della moda e della Storia con la S maiuscola.


Il tulle ricamato di Hartmann
Modello stile kimono lavorato di Hartmann.

I costumi Hollywoodiani di La La Land

I costumi di #lalaland, il celeberrimo film con Emma Stone e Ryan Gosling sono stati tutti ideati da zero dalla costumista Mary Zophres, in accordo con la regia di Damien Chazelle.

Il concetto base è che il film avesse un piede nel mondo contemporaneo e un piene nostalgico nella vecchia Hollywood

Cit. M. Zophres

Questo è il filo conduttore di tutta la pellicola, come testimoniano i continui richiami scenografici:


Ad un certo punto, Mia, la protagonista, mostra a Sebastian, Mr Gosling, la finestra da cui si sono affacciati Ingrid Bergman e Humphrey Bogart in Casablanca. E scusate se è poco.

Poi, a sinistra, la parete nella camera della protagonista dove fa da sfondo un ritratto enorme di Ingrid Bergman.

Tornando ai costumi, sono stati decisi in modo preciso e con stretta aderenza al copione:

il primo vestito doveva essere blu, di ispirazione ovviamente hollywoodiana e non troppo scollato.

Blu notte per il primo abito di Mia di La La Land.

Le linee semplici ed il tessuto brillante e setoso fungono da trait-d-union, ossia da filo conduttore, di tutti i vestiti della protagonista. Questo è chiaro esaminando gli ulteriori disegni di questi abiti dai colori densi e brillanti.

L’idea del giallo era già nei progetti della costumista che, tempo prima, ammirando Emma Stone sul red carpet con un look giallo limone aveva pensato:

Emma è tra le poche attrici a riuscire ad indossare il giallo Versace con grazia ed eleganza.

Il resto è storia.

Cosa vogliamo aggiungere su questo colore meraviglioso? Color Tramonto 🤩, in grado di riprendere ed esaltare il cielo sullo sfondo. Meraviglia pura.

 Non è tanto l’aspetto del vestito a fare la magia, quanto il bel colore.


In tanti hanno amato questi abiti e li hanno riprodotto ed indossati.
Chiaro segno che si era colpito nel segno dell’immaginario collettivo.

Quando la relazione tra Mia e Sebastian finisce, in concomitanza si spengono anche i colori: nel balzo nel quinquennio successivo la aspirante attrice veste in total black con accenni di bianco. Mentre nella scena finale, quando i due ex innamorati si interrogano, chiedendosi: “ E se avessimo resistito e fossimo restati uniti ed insieme?”, qui abbiamo un ampio abito bianco, il non-colore.
Tutto è finito. Anche la danza stregata dei due Amanti.

Muse ispiratrici: Simone De Beauvoir.

Simone De Beauvoir è un incontro che ricorderò per tutta la vita: il suo Memorie di una Ragazza Perbene ha cambiato il mio modo di pensare e vedere il mondo.

Il padre di Simone la reputava così intelligente da dirle che aveva “il cervello di un uomo” ed il suo mantra diventa:

Essere donna vuol dire

Essere un uomo come un altro.

Sdb

Se volete avvicinarvi al suo stile dovete scavare dentro voi stesse con quel potente bisturi con cui solitamente esaminate e soppesate parole, immagini ed omissioni altrui. Andate oltre le vetrine e le apparenze e sondate i vostri pensieri.

Prendete ad ispirazione questa mente straordinaria, originale, capace di andare oltre tutti gli stereotipi di genere e comportarsi secondo la sua essenza, senza adeguarsi a quello che la gente si aspetta per convenzione sia giusto e dignitoso fare. Guardiamo al suo rapporto con J-P. Sartre: ha lasciato che l’amore fosse semplicemente un sentimento, in continua evoluzione e cambiamento, lasciando cadere a terra definizioni ed aspettative, anche le proprie, che è la parte più difficile.

Simone De Beauvoir: foto da archivio personale.


Ha scelto di essere libera.

Nelle Lettere a M. Algren, scrive:

Quella che io sono oggi, lo devo per la maggior parte a lui.

Certamente, anche io, io l’ho aiutato ad essere chi è oggi.

Sdb

Questa estrema complessità mentale si ribalta in uno stile che ora come ora mi piace immaginare essenziale ma audace.

Tenete d’occhio questi stilisti:

Patrizia Pepe, capace di fare questo:

Chie Mihara:

Décolletés Mihara

E, per concludere, la proposta di Ann Demeulemeester ambiziosa quanto basica nelle scelte cromatiche:

Nel 2008, #marcjacobs disegna una collezione ispirata a Simone De Beauvoir per #louisvuitton, lasciandosi ispirare dalla sua libertà dai condizionamenti e dal suo amore per la vita.

Microblanding: come avere sopracciglia perfette.

Il microblanding è uno dei miei famosi autoregali 😃 Sì, a quanto pare ho gusti difficili in fatto di regali.. di conseguenza, ho imparato a premiarmi da sola con quello che voglio. Così siamo tutti contenti.


Ho provato il microblanding ed il mio piccolo supereroe n. 2 ha esclamato: “Mamma sei ringiovanita di 20 anni!”.

Di conseguenza: Trattamento decisamente approvato!

Ringraziamo Miss Cara Delevingne se le sopracciglia non devono più essere sottili ed artefatte. Adesso le sopracciglia sono archi più folti e compatti.
La parola chiave in questo campo è:


curate ma naturali

Io ho optato per una professionista il cui marchio di fabbrica è la naturalezza. Non amo le sopracciglia alla Ken di Barbie.

Oltretutto avere un disegno da seguire sotto permette di essere più precise e veloci nel togliere i peli fuori posto.

Dopo il trattamento e per quindici giorni, bisogna applicare una crema emolliente e curativa, aspettando che si formino delle crosticine bianche da lasciar cadere da sole.
Un mese dopo il primo trattamento si fa il refill del disegno, apportando delle modifiche se necessario.

Sono molto soddisfatta e, come #chictherapy, alzarsi la mattina e vedersi in ordine e curate fa iniziare la giornata con il sorriso e, in tempi di Smart-working e di poche occasioni per uscire, ti cambia lo spirito della giornata.