Mezzo anno di te 💟

Sei mesi fa, all’inizio di quella che sarebbe stata la notte più lunga della mia vita, abbiamo lasciato la ragazza unicorno ed il piccolo supereroe a casa con i nonni acquisiti.

” Ma se tu vai via, io mi ammalo ” – aveva piagnucolato il piccolo supereroe, non più tanto certo dei suoi superpoteri di fronte alla mia rottura delle acque. Ma io sapevo che la baby n. 3 voleva nascere, nonostante la scadenza fosse prevista per due settimane dopo.

Siamo arrivati in ospedale alle 23, lasciando l’auto su una rampa di accesso al pronto soccorso, super agitati e sorpresi, mentre io interpretavo impersonificandole le Cascate delle Marmore.

” La dilatazione è poca ma con le membrane rotte lei deve restare in ospedale, mentre il futuro papà vada pure a casa” – aveva sentenziato l’ostetrica, aggiungendo come una Cassandra dei parti: “Però il terzo figlio è imprevedibile ⛔️”.

Le stanze del reparto di Ostetricia erano buie e silenziose ed io mi sentivo un po’ spaesata, lontana dagli altri due cuccioli.

Dopo aver chiacchierato tramite #whattsapp con tutti i contatti svegli nel cuore della notte e disponibili, alle 4 del mattino il travaglio inizia a farsi serio e chiamo l’ostetrica premonitrice.

Porca paletta, avevo cancellato tutto quel dolore..

“Andiamo di là per un controllo”, mi dice, “ma porta anche i vestitini della bimba”.

Quello è stato il momento in cui ho capito che baby n. 3 stava per arrivare sul serio.

Stesa non riuscivo a stare e lei è scivolata nel mondo a testa in giù, attratta dalla forza di gravità, in una stanza che #tarantino ed il cinema #splatter scansate, con il papà che l’ha vista vestita e profumata perché abbiamo scelto di fare all’antica, con lui praticante la altrettanto faticosa attesa dietro la porta.

Me la hanno portata avvolta in una coperta bianca, scura come un’indigena e gli occhi non li hai mai aperti fino all’8 novembre: quel pomeriggio, mentre allattavo, mi hai guardato e li ho visti per la prima volta: due pozzi scuri e luccicanti di vita.

È stato come incontrare qualcuno di conosciuto e che aspettavo da sempre.

Le favole quelle belle.

Io da piccola ho creduto a Babbo Natale fino all’ultimo, almeno fino ai 9 anni. Ci ho creduto a dispetto di ogni evidenza e nonostante qualche spifferata di bambini cresciuti anzitempo.

Io ci ho creduto anche quando ho trovato il Cicciobello nell’armadio grande. E quando sotto l’albero con le decorazioni multicolor anni ’80, il regalo era proprio quel Cicciobello ho cancellato ogni dubbio senza esitare.

Ci ho creduto.

Ci ho voluto credere.

Poi crescendo la vita ti mette di fronte alle sue aspre verità:

  • Mia nonna non sarebbe vissuta in eterno.
  • Il massimo dei miei desideri non sarebbe sempre stato la casa di Barbie.
  • Il primo amore finisce anche se è il primo.
  • Gli altri non porgono sempre l’altra guancia, anche se ci comportiamo sempre bene.

Ma anche se ogni volta mi ripeto che la prossima volta non ci cascherò, la favola successiva ha sempre una forza così magica e dirompente che non riesco a resistere.

E se credere nelle favole mi fa ridere, sorridere, sorprendere e vivere come una principessa, allora ne varrà sempre la pena.

L’avventura al Ballo delle Debuttanti è stata una favola favolosa, come respirare il mio ” vissero felici e contenti”.

Partecipare è stato molto cool e do la colpa a Cenerentola, Kate e Meghan se credo che un ballo e delle scarpette di cristallo siano garanzia di un happy end sicuro. È stato favoloso come una favola dall’appello senza tempo.

Lascio il link per partecipare al Ballo delle Debuttanti Calabria perché vale proprio la pena di essere protagonista di questa favola moderna che sintetizza in pochi giorni romanticismo, sorellanza, cultura, savoir-faire e solidarietà: htpps://www.associazioneapevco.com/ballo-debuttanti-calabria-1/ballo-debuttanti-2019/iscrizioni-regolamento/ .

Perché noi siamo le nuove principesse delle favole.

Chic Dream

La moda non passa mai di moda

ªProprio così: la moda non passa mai di moda, come dimostra l’interesse e il clamore intorno alla #milanofashionweek che si svolge proprio in questi giorni.

Io personalmente avrei proprio gola di assistere ad una sfilata per guardare bene le proposte dello stilista, non proprio e non tanto dalla prima fila, il cosiddetto front row, dove siedono i Vip ed i testimonial a vario titolo legati alla Maison, quanto amerei poter assistere sostando nel backstage. Lo immagino come un posto da sogno, dove i tessuti possono in modo inavvertito sfiorarti e dove il look si può ammirare nella sua interezza.

Deve essere entusiasmante, previa conoscenza della casa di moda, ammirare o quantomeno conoscere in anteprima di mesi eventuali conferme o cambi di rotta del creatore di moda, vedere come brand emergenti conquistano l’attenzione, che non esiste solo #karllagerfield, anche se a vedere l’ultima sfilata di #fendi si direbbe il contrario.

E poi, a mio parere, la moda va raccontata, non ci si può limitare a foto e video, sebbene di immediata fruibilità. 

Il Royal Wedding italiano – The Ferragnez

Meno uno al nostro Royal Wedding nazionale: #theferragnez sono in Sicilia, a Noto, che per l’evento si trasformerà in stile californiano, e si preparano al loro matrimonio in Coachella Style, ossia glitterato, tatuato, allegro e perfettamente in versione #instagram.

Lo stile del festival Made in Usa in Sicilia

A meno di un anno dal Sì ( la proposta durante un concerto di Fedez all’arena di Verona) e a soli pochi mesi dalla nascita del primo figlio, Leone, Chiaretta nostra indosserà il suo abito #dior, personalizzato dalla mente stilosa di @mariagraziachiuri; mentre il futuro sposo, Federico Lucia, ha scelto la Maison @versace e la solare @Donatella.

Maria Grazia Chiuri e Chiaretta

Un loro amico celebrerà il rito civile con cui i Ferragnez saranno uniti dal rito Instagram del matrimonio.

Il ricevimento, invece, si terrà presso la @dimoradellebalze, una ventina di chilometri fuori Noto, un casale antico e molto sofisticato, immerso nella campagna sicula.

Il sestetto di damigelle sarà abbigliato in due versioni da @albertaferretti in georgette rosa, con inserti in pizzo, con scollo a V o a 💖, allo scopo di meglio adattarsi alla loro silhouette. Tra di loro: le sorelle della sposa of course, Francesca e Valentina, e quattro amiche.

Gli invitati, circa centocinquanta, sono i membri del jet-set di Instagram, You Tube e Sky, a parte le rispettive tribù familiari al completo: Bianca Balti, Chiara Biasi, Paris Hilton, Alice Carli, J-Ax, i giudici di X – Factor, tra cui Mika e Manuel Agnelli, Luis e la coppia Blasi Totti, solo per citare quelli noti. Tagliato fuori, l’ex migliore amico e collega, @fabiorovazzi, con cui i Reali nostrani hanno chiuso i rapporti per motivi che resteranno i loro, si spera.

La lista di nozze pensata come una raccolta fondi pro buona causa proposta a mezzo mail dai fans/followers per ora ha raccolto fredde adesioni. Staremo a vedere.

In linea con lo stile sobrio del matrimonio, Chiara percorre Noto con la sua mascotte soft creata appositamente dalla Trudi. Sottolineo solo che anche questo gadget ha un profilo @instagram ( come il cane @matildaferragni, la damina delle fedi).

In conclusione, grande tre giorni di festa in Sicilia, dove gli ospiti saranno liberi di postare tutto, ma proprio tutto, a loro insindacabile giudizio, utilizzando l’hashtag #theferragnez.

Buona festa e buon @instagram!

Ferragosto: 10 cose da sapere sulle grigliate

Prima di avventurarvi a festeggiare il Vs Ferragosto, dovete assolutamente sapere queste 10 cose:

1. Tutti quelli scappati dalle città, dai bar, dai centri commerciali deserti saranno dove sei tu. La solitudine a Ferragosto è un’utopia!

Pic-nic di Ferragosto

2. La griglia è un elemento imprescindibile della grigliata. Se ne sei sprovvisto, per la Legge dell’Attrazione, devi fermamente essere certo che la  griglia in qualche modo salterà fuori. 

3. La griglia del vicino è sempre più bella, più grande, con le ruote ergonomiche, americana e con essiccatore delle bacche di Gojii. Non importa: occhi fissi sulla tua.

4. Meglio arrivare a pancia vuota: la quantità di cibo sarà imbarazzante.

5. Quando ti viene voglia di marshmellow, che fanno tanto #americanstyle: ricorda che creano convivialità nel senso che si appiccicano ovunque e rimanda a fine giornata.

Spiedini anguria

6. Mille pallonate ti bombarderanno. Riflessi allerta.

7. Occhio a mantenere la distanza di sicurezza tra le Vs orecchie ed il neonato isterico di turno.

8. Cavatappi ironico e scherzoso in borsa e farete un figurone!

Cavatappi by Alessi

9. Abbigliamento a cipolla ed estremità curate: scalz* resteremo di sicuro!

10. Prevedete con estrema cura la posizione del bagno più prossimo.

Buon Ferragosto a tutti!!

-146 giorni a Natale ☃️

  1. Ciao Mancano 146 giorni a Natale. Quest’anno mi devo organizzare per tempo perché con una batuffola di un mese non potrò ridurmi al 22 Dicembre as usual.

Sarà bellissimo essere in cinque questo Natale. Ebbene sì… Credo in #prettywoman e pure in #babbonatale. Perché credo nell’amore, quando c’è, nell’amicizia, quella reale, e negli abbracci senza staccarsi.

Credo anche nelle canzoni che vanno dritte al punto e mi fanno brillare gli occhi.

Babbo Natale è la speranza, esaudita o no.

 

È la me mamma che fa grandi sacrifici perché i suoi bambini sorridano.

È un forno acceso e profumato con dentro i biscotti caldi da spolverare con lo zucchero a velo.

È la magia di addormentarsi e svegliarsi insieme.

È impegnarsi per un sogno dando tutto, senza riserve, con le farfalle di #frida sulla pancia e nello stomaco.

Babbo Natale 🎅🏼 diffonde la sua magia tutto l’anno, anche se spruzza la sua polvere di stelle solo per una notte.

E poi se ti presenti solo una volta l’anno, sono tutti felici di vederti.