Come creare un ricordo per la vita: l’agenda di nascita.

Per entrambi i primi due figli ho scritto un diario durante tutta la gravidanza, concepito come una lettera lunga nove mesi ed indirizzata a loro.

Lì dentro ho riversato tutto: i cambiamenti fisici, quelli interiori, i pensieri e i tentennamenti sulla scelta di quello che poi sarebbe diventato il loro nome. TUTTO.

I diari della gravidanza sono belli ma, per me, anche un semplice quaderno è adatto allo scopo.

Un libro per il viaggio immanente più potente di tutti.

Con la baby n. 3, non ho sentito questa esigenza e io sono abituata a seguire il mio sesto senso. Sarà che il cellulare ha soppiantato la paura di dimenticare questo periodo, sarà che comunque i miei pensieri li metto in questo blog. Dei nove mesi di baby n. 3 ho altre testimonianze che dei primi due non avrò mai: video, foto, messaggi. Tuttavia, in ogni caso, mi riprometto di scrivere anche a lei una lettera da conservare nella sua scatola dei ricordi.

Di questi quaderni dei ricordi quello che preferisco è quando arrivano nelle mani dei piccoli destinatari.

I tre piccoli destinatari ad Halloween.

Con la figlia metà adolescente e metà unicorno ho fatto così: l’ho conservata per dodici anni nella sua scatola dei ricordi e, per il suo dodicesimo compleanno, gliela ho regalata, perché capisse con quanto amore ♥️ l’ho aspettata e desiderata.

Adesso che siamo temporaneamente ospiti in una casa non nostra per importanti lavori nella nostra vera casa, con sorpresa, riordinando, ho trovato la sua Agenda di Nascita tra le poche ed essenziali cose che ha potuto portare con sé qui.

Che sorpresa! Che questa adolescente con la risposta acida sempre in tasca abbia portato con sé la testimonianza di quando pesava come tre pacchi di zucchero e la sua stessa sopravvivenza dipendeva da altri.

Perché quando si sa da dove si viene, sai anche dove tornare ♥️.

Scrivere aiuta a fissare i ricordi, a trasmettere i propri pensieri più leggeri e a lasciare un qualcosa di sè ai bambini, testimonianza di un tempo in cui loro erano speranza pura.

Autore: Stefy

Piacere, sono Stefy. Nata nel 1976, il 3 Maggio, Toro, per cui amo la terra, le certezze e la verità, sempre e comunque. Vivo in Friuli Venezia Giulia con due figli, un supereroe di 8 anni e una 14enne metà donnina e metà unicorno, un nuovo compagno, Lui, ed un adorabile certosino, Romeo. Ho un lavoro a tempo pieno per una nota azienda di confectionery. Per il momento mi godo una lieta parentesi di non-lavoro da casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *